Sciopero dei mezzi: servizio regolare a Milano, disagi a Roma. DIRETTA

Cronaca
05-sciopero-mezzi-disagi-milano-fotogramma

Il servizio è regolare nel capoluogo lombardo, ma con problemi per i pendolari Trenord. Nella capitale adesione al 95%: metro e ferrovie chiuse e traffico in tilt. Disagi anche a Napoli, Torino e Venezia. Voli cancellati a Firenze e Pisa. Regolari le frecce Trenitalia

Bus e metropolitane, ma anche treni e scuole. Perché, come ha comunicato l'Unione sindacale di base (Usb), quello di venerdì 10 novembre "non è solo uno sciopero dei trasporti". Per l'agitazione incroceranno le braccia per l'intera giornata i lavoratori aderenti a Orsa territoriale e Unione sindacale italiana e si ferma anche il mondo della scuola: docenti, dirigenti e personale Ata delle sigle Cobas-Confederazione dei comitati di base, Usb e Cib-Unicobas, oltre a professori e personale Ata di ruolo e non aderenti a Unicobas scuola e università. Rimane però quello dei trasporti il settore più interessato, soprattutto con il volgere al termine della seconda fascia di garanzia.

La soddisfazione dei sindacati

Secondo il portavoce nazionale dei Cobas, Piero Bernocchi, lo sciopero nazionale di oggi è stato coronato da successo. Oltre al "blocco dei trasporti" e un'adesione del 25% dei lavoratori del reparto scuola, Bernocchi sostiene i "Buoni risultati anche nella sanita', nel pubblico impiego, nel telecomunicazioni, e nel lavoro privato, con decine di migliaia di persone scese in piazza contro le politiche economiche e sociali del governo e la sua finanziaria". Le partecipazioni più rilevanti secondo i dati dei Cobas si sono registrate soprattutto nelle città di Roma, Milano, Firenze, Bologna, Palermo, Venezia, Livorno e Genova.

Servizio regolare a Milano

A Milano, il personale di Atm aderente all'Unione Sindacale di Base sciopererà dalle 8.45 alle 15 e dalle 18 al termine del servizio. Al momento, comunque, non si registrano problemi in città. Il trasporto pubblico a Milano infatti risulta regolare sia per quanto riguarda le linee della metropolitana che per quelle di superficie, come comunica Atm su Twitter.  

Traffico e studenti a casa

Al momento i vigili urbani di Milano non segnalano situazioni di particolare disagio in relazione allo sciopero dei mezzi pubblici proclamato da Usb. Il traffico è comunque aumentato perché in molti, nell'incertezza sul funzionamento di bus e metropolitane, hanno utilizzato l'auto. In diverse scuole si segnalano assenze di studenti rimasti a casa prevedendo di non riuscire a raggiungere gli istituti.  

Problemi per i pendolari Trenord

Situazione ben più complicata per i pendolari di Trenord. Su 40 direttrici, solo la tratta Milano Rogoredo-Milano Bovisa non presenta criticità. Su tutte le altre ci sono variazioni e cancellazioni. Lo stesso vale per il Servizio Regionale, Suburbano e Aeroportuale, che dalle 21 di ieri sera alle ore 24 di oggi, può subire cancellazioni. Per il solo servizio aeroportuale Malpensa Express potranno essere istituite corse di autobus sostitutive. Saranno comunque rispettate le fasce orarie di garanzia (6-9 e 18-21). Nel dettaglio viaggeranno i treni regionali e a lunga percorrenza inseriti nella lista dei "Servizi Minimi Garantiti". Dalle 18 i treni circolanti sulle linee gestite da Rfi riprenderanno regolarmente; dalle 21 sino alle 24 la circolazione dei treni regionali e suburbani sulle sole linee gestite da FerrovieNord (Laveno/Varese/Como/Novara-Saronno-Milano; Asso/Mariano/Camnago-Seveso-Milano; Brescia-Iseo-Edolo) e nel Passante Ferroviario Rfi (S1, S2, S4, S9 ed S13; escluse S5 ed S6) potranno subire modifiche o cancellazioni, idem per il collegamento a Malpensa Aeroporto.

Code e disagi a Roma: adesione al 95%

Diversa la situazione a Roma, dove l'adesione allo sciopero è altissima e, come spiega in una nota l'USB Lavoro Privato (Provincia di Roma TPL), raggiunge il 95 per cento per quanto riguarda le linee in superficie e il 90 per cento tra gli operai. Secondo quanto comunica l'Agenzia per la Mobilità di Roma, invece, l'adesione complessiva del personale Atac allo sciopero del trasporto pubblico, rilevata alle 10 di questa mattina, è stata pari al 28,9%. La stessa Atac fa sapere che a causa dello sciopero sono chiuse le metro A, B/B1 e C, come anche le ferrovie urbane Roma-Lido, Termini-Centocelle e Roma-Viterbo. Bus e tram in superficie circolano a singhiozzo: sono previste cancellazioni di corse e possibili sospensioni di linee. Il servizio sarà comunque assicurato durante le due fasce di garanzia: fino alle 8,30 e dalle 17 alle 20. Per agevolare la mobilità, i varchi delle zone a traffico limitato diurne del centro e di Trastevere sono stati disattivati, ma si registrano traffico e code in numerose zone della capitale.

Napoli: metro ok, chiusa la funicolare

A Napoli, dove il servizio delle linee bus viene garantito dalle 5.30 alle 8.30 e dalle 17 alle 20, si registrano disagi soprattutto per la chiusura di Cumana e Circumflegrea. La funicolare centrale sta effettuando solo corse dirette, i bus lentamente stanno rientrando ai depositi. La circolazione della linea 1 della metropolitana è al momento regolare, come annuncia Anm su Twitter.

Problemi a Venezia e Torino

Un'altra città particolarmente colpita è Venezia dove si segnalano disagi soprattutto per quanto riguarda la circolazione dei vaporetti. Secondo l'Usb l'adesione allo sciopero è molto alta anche nel capoluogo veneto, con oltre il 70 per cento di adesione tra gli addetti del trasporto su gomma. Per lenire i problemi, il prefetto di Venezia ha firmato un decreto di precettazione per i dipendenti della società di trasporto veneziana, l'Actv, come si legge sul sito della società. Anche Torino fa i conti con blocchi del servizio del trasporto pubblico, con bus, tram, metro e servizio ferroviario metropolitano fermi nella giornata di oggi. Gtt, l'azienda torinese del trasporto pubblico locale, garantisce comunque il servizio in determinate fasce orarie. In particolare, servizio urbano e suburbano e metropolitana funzionano dalle 6 alle 9 e dalle 12 alle 15, mentre per le autolinee extraurbane le fasce di garanzia sono da inizio servizio alle 8 e dalle 14.30 alle 17.30. Stesso orario anche per la ferrovia Canavesana e servizio ferroviario metropolitano Torino-Aeroporto-Ceres. Assicurato inoltre il completamento delle corse in partenza entro il termine delle fasce di servizio garantito.

Le altre città

A Bologna mezzi fermi tra le 8.30 e le 16.30 e dalle 19.30 fino al termine del servizio. A Genova, invece, gli autisti della locale Amt aderiranno allo sciopero tra le 11.45 e le 15.45. Ma i disagi potrebbero non ridursi a questa fascia oraria perché si fermerà per l'intera giornata il resto del personale dell'azienda di trasporti genovesi. Ataf, l'Azienda Trasporti dell'Area Fiorentina, ha comunicato che saranno garantite le fasce tra le 6 e le 9 e tra le 12 e le 15. Lo sciopero riguarderà la circolazione degli autobus dall'inizio del servizio alle 6, dalle 9.15 alle 11.45 e dalle 15.15 alla fine del servizio.

Voli cancellati a Firenze e Pisa

Problemi anche sul trasporto aereo. Voli praticamente tutti cancellati, fatta eccezione per quelli delle fasce di garanzia di stamani e stasera oltre ai collegamenti con le isole, negli aeroporti di Firenze e Pisa. In programma anche una mobilitazione dalle 12 alle 16 dei lavoratori della Avion Services che aderiscono a Fit-Cisl e Ugl-Ta allo scalo di Roma Fiumicino. Dalle 13 alle 17 stop in blocco, proclamato dalla Fit-Cisl dei lavoratori delle aziende Brookfield aviation international, Crewlink Ireland Limited, McGinley aviation, Ryanair Limited e Workforce internationale conctractors limited. L'impatto dovrebbe essere limitato visto il numero di iscritti al sindacato italiano.

Trasporto ferroviario

Diversa la situazione dei treni, con la grande maggioranza delle corse che si effettua regolarmente. Nel trasporto ferroviario i lavoratori che aderiscono a Cib-Unicobas, Cobas-Confederazione dei comitati di base, Unione sindacale di base incrociano le braccia sui treni a lunga percorrenza dalle 00.00-20.59 e su quelli regionali dalle 00.00 alle 17.59. Le Frecce di Trenitalia circoleranno regolarmente. Per gli altri treni nazionali, fa sapere Fs, “le ripercussioni dovrebbero essere limitate”. Qualche problema in più per i treni regionali, il cui programma è stato soggetto ad alcune modifiche. Sono comunque garantiti i servizi essenziali assicurati per legge nei giorni feriali, nelle fasce orarie più frequentate dai viaggiatori pendolari (6-9 e 18-21). Italo ha pubblicato la lista dei treni garantiti: sono 33 su un totale di 67 viaggi programmati.

Le ragioni della protesta

Lo sciopero è stato proclamato contro Jobs act, legge di Bilancio, pensioni e precarizzazione dei contratti. Lo stop sarà accompagnato da manifestazioni che potrebbero impattare sulla circolazione di alcune città. "La Legge di Stabilità per il 2018 - si legge nel sito dell'Usb - esprime meglio di ogni altra cosa il perché dello sciopero generale. Spending review, cioè nuovi tagli per i servizi sociali, soldi e sgravi alle imprese, nulla a favore del reddito e dell'occupazione stabile. Le grandi crisi aziendali erano e restano tali; i contratti pubblici vengono finanziati con stanziamenti ridicoli ed insufficienti dopo nove anni di blocco economico".

Emendamento per stoppare l'effetto annuncio

 

Nel frattempo spunta un emendamento alla manovra, presentato dall'ex ministro e ora presidente della commissione Lavoro del Senato Maurizio Sacconi. Si tratta di una proposta che potrebbe limitare i disagi legati alle (frequenti) proteste nel settore del trasporto pubblico. La proposta prevede che i singoli lavoratori del settore debbano comunicare, obbligatoriamente e in anticipo, la loro eventuale adesione allo sciopero in modo da consentire alle aziende di programmare le corse e rendere pubblico il calendario reale, informando in anticipo gli utenti.

 

 

 

 

 

Cronaca: i più letti