Stromboli, il vulcano trema. Ingv: sequenza esplosiva per tre minuti

Cronaca
stromboli_GettyImages

Gli esperti non escludono che eventi simili possano ripetersi anche nel breve periodo

Lo Stromboli torna a tremare. Nella mattina di mercoledì primo novembre il vulcano è stato infatti protagonista di una sequenza esplosiva della durata complessiva di circa tre minuti.

Una serie di boati

Il fenomeno, di cui ha dato notizia l'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia, è avvenuto poco dopo le 9 del mattino e ha avuto caratteristiche simili all'evento dello scorso 23 ottobre. L'Ingv, dopo aver analizzato il tracciato sismico, ha spiegato che si è trattato di una tipica sequenza esplosiva, caratterizzata da una serie di boati e seguita da un segnale persistente, cioè un tremore, durato alcuni minuti.

Le conseguenze

L'analisi delle immagini delle telecamere termiche di sorveglianza ha mostrato che la sequenza ha avuto inizio con un evento di maggiore intensità dall'area craterica centro-meridionale, seguito da alcune esplosioni minori nei minuti successivi. L'evento ha generato un denso pennacchio di cenere che si è velocemente disperso sul lato Sud del vulcano grazie al vento ma ha anche causato un'abbondante ricaduta di frammenti di roccia sulla sciara del fuoco e in direzione del Pizzo sopra la Fossa.

Non è un caso isolato

Nelle ore successive non si sono registrati altri fenomeni di rilievo e i parametri sismici sono tornati alla normalità. Secondo l'Ingv, inoltre, la sequenza esplosiva non è per forza collegata alla risalita di nuovo magma. Ma in ogni caso non si tratta di un caso isolato, visto che un fenomento del tutto simile era accaduto appena poco più di una settimana fa. E allo stato attuale, avvertono gli esperti, non è possibile escludere che eventi del genere si possano ripetere di nuovo nel breve periodo.

Cronaca: i più letti