Macellazione clandestina, sequestrate 5 tonnellate di carne equina

Foto d'archivio
1' di lettura

I carabinieri hanno scoperto il traffico illegale nel comune di Rosolini, in provincia di Siracusa. Sotto sequestro due aziende con mattatoio e allevamento abusivo di cavalli, diverse aree inquinate, una macelleria e prodotti contraffatti pronti per essere venduti

Un mattatoio clandestino, un allevamento abusivo, timbri falsi per attestare l’idoneità al consumo, 5 tonnellate di prodotto pronto per essere immesso sul mercato. A Rosolini, in provincia di Siracusa, è stato smantellato un traffico illegale di carne equina. Sequestrate due aziende, diverse aree inquinate, una macelleria e i prodotti trovati, per un valore di oltre un milione di euro. I proprietari sono stati denunciati.

Circa 5 tonnellate di carne contraffatta - A scoprire il traffico di macellazione clandestina equina sono stati i carabinieri dei Nas, in collaborazione con i militari del Noe. Durante alcune verifiche, dentro una macelleria sono state trovate circa 5 tonnellate di carne equina, sia fresca sia congelata e pronta per essere venduta, con una bollatura sanitaria contraffatta.

Il mattatoio clandestino - I carabinieri hanno trovato i timbri falsi utilizzati per simulare i sigilli dei veterinari delle aziende sanitarie dentro i mattatoi. Sigilli che attestano la salubrità degli animali macellati e l'idoneità delle carni al consumo umano. Dai timbri falsi, si è risaliti al luogo di macellazione e lì vicino è stata trovata un’azienda agricola che nascondeva un mattatoio clandestino. All’interno i carabinieri hanno sorpreso un uomo, pregiudicato, intento a macellare un cavallo di provenienza sospetta senza nessun controllo veterinario e senza le autorizzazioni necessarie. L’ambiente e le attrezzature, poi, erano in pessime condizioni igieniche.

L’allevamento abusivo - In un’azienda confinante, inoltre, è stato scoperto un allevamento abusivo con una quarantina di cavalli di origini sconosciute. Lì vicino, i carabinieri hanno anche trovato tre aree in cui veniva depositato in maniera incontrollata il cosiddetto stallatico, cioè le deiezioni degli animali che dovrebbero essere trattate come “rifiuto speciale”.

Leggi tutto
Prossimo articolo