Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video

Omicidio Loris, Veronica Panarello resta in carcere

1' di lettura

Il Riesame rigetta la richiesta di scarcerazione della madre del bambino ucciso. La donna, accusata di omicidio e occultamento di cadavere, si dice "delusa". L'avvocato: "Valutiamo ricorso in Cassazione". Il legale del marito: "Dolorosa conferma"

Resta in carcere Veronica Panarello, la 26enne accusata di avere ucciso il figlio Loris, di 8 anni, il 29 novembre a Santa Croce Camerina, nel Ragusano. Lo ha deciso il Tribunale del riesame di Catania che ha rigettato la richiesta di annullamento dell'ordinanza di arresto della donna per omicidio e occultamento di cadavere.

La donna, dopo avere appreso della notizia nel carcere di Agrigento, si è detta "delusa", sostenendo di avere atteso la decisione "con speranza". "Non vogliono credermi" ha commentato.
"Abbiamo appreso della decisione dei giudici: è un primo passo, ma soltanto in sede cautelare. Aspettiamo di leggere le motivazioni per ricorrere eventualmente in Cassazione. Resto convinto dell'innocenza della mia cliente e lo dimostreremo nelle sedi competenti" ha commentato l'avvocato della donna Francesco Villardita.

Parla invece di "conferma di un'ipotesi dolorosa" il legale del padre di Loris e marito di Veronica, mentre il procuratore di Ragusa, Carmelo Petralia, ha fatto sapere che "le indagini continuano, sia sull'indagata sia sugli scenari in cui il delitto è maturato". "Per il resto - ha aggiunto - le ordinanze non si commentano".

Leggi tutto
Prossimo articolo