Bracconaggio: controlli nel Reggino,un arresto e due denunce

Calabria
532d76747ad2a5133a3bb4c28e8827f2

Attività dei Carabinieri Forestali a Palmi e Calanna

(ANSA) - REGGIO CALABRIA, 16 SET - Utilizzava reti da uccellagione per catturare cardellini vivi che rientrano nell'avifauna protetta. Un uomo di 53 anni è stato arrestato con l'accusa di furto venatorio in contrada Palusci di Palmi dai carabinieri forestali nell'ambito dei servizi antibracconaggio attuati in provincia di Reggio Calabria. Tutti gli esemplari catturati sono stati liberati. A Calanna, i militari, hanno denunciato due persone di 65 e 75 anni sono stati denunciati con l'accusa di abbattimento di specie protette, utilizzo di mezzi non consentiti, porto abusivo di fucile e l'omessa custodia di arma da fuoco, in quanto uno dei due è risultato privo di licenza di porto di fucile. I due sono stati sorpresi mentre utilizzavano richiami elettroacustici vietati in un periodo di chiusura generale della caccia.
    Entrambi sono stati colti in flagranza per l'uccisione di 26 uccelli in area protetta (Zona di Protezione Speciale "Costa Viola"). Sequestrati due fucili, con relativo munizionamento ed i richiami elettroacustici illegali. (ANSA).
   

I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24