Coronavirus, primo test positivo moglie 67enne

Calabria
@ANSA
f7bf76abc4f1879b83bb6f890c1d84a1

A Catanzaro. Negativi il medico che lo aveva visitato e il fratello pediatra

(ANSA) - CATANZARO, 6 MAR - "La Regione Calabria ha chiesto al Ministro della Salute Roberto Speranza l'assunzione di dirigenti medici specializzati in pneumologia, rianimazione, infettivologia, cardiologia, medicina interna, pronto soccorso oltre al personale paramedico, infermieristico e Oss". E' quanto afferma, in una nota, il presidente della Regione Calabria Jole Santelli. "Una richiesta - prosegue Santelli - che si è resa necessaria dopo un'accurata analisi del fabbisogno di personale nelle strutture sanitarie pubbliche. Ci auguriamo che il Ministro dia una risposta immediata a questa richiesta, che riteniamo essenziale per fare fronte ad eventuali emergenze".

   Tamponi su tutte le persone in stretto contatto con il paziente di 67 anni risultato positivo al coronavirus all'ospedale Pugliese di Catanzaro. Al primo test è risultata positiva solo la moglie posta sin da subito in quarantena.

    Lo rende noto il presidente della Regione Calabria, Jole Santelli, in un comunicato.
    Come previsto dal protocollo, il campione per il test di conferma è stato inviato all'Istituto Superiore di Sanità e si è ora in attesa della conferma anche del risultato del marito, viene sottolineato nella nota della Regione.
    Esiti negativi ai test sia per il medico di medicina generale, che aveva visitato il sessantasettenne sabato mattina, sia per il fratello pediatra e per gli altri operatori sanitari del reparto del nosocomio Catanzarese.
   

I più letti