Brasile, approvata legge che riduce le tutele della foresta amazzonica

Quella amazzonica è la più grande foresta pluviale del mondo (Getty Images)
3' di lettura

La Corte suprema ha giudicato legittima la riforma che prevede l'aumento delle zone coltivabili e un'amnistia per i proprietari terrieri che hanno tagliato gli alberi illegalmente. Secondo gli ambientalisti è un invito alla deforestazione

La Corte Suprema del Brasile ha giudicato legittima una legge che introdurrà importanti cambiamenti nella legislazione che tutela la foresta amazzonica. Tra le novità presenti nel testo c'è l'aumento delle zone coltivabili e un'amnistia per i proprietari terrieri che hanno tagliato gli alberi illegalmente. La riforma ha suscitato le proteste di numerose associazioni ambientalistiche, secondo le quali in questo modo si incentiverebbe la deforestazione della più grande foresta pluviale del mondo, considerata fondamentale per assorbire le emissioni di carbonio e contrastare i cambiamenti climatici.

Tutela ridotta a circa 300mila chilometri quadrati

La riforma, voluta del governo, andrà a modificare la precedente legislazione che è datata 2012. Grazie al pacchetto di tutele previsto in precedenza, la deforestazione in Amazzonia tra il 2016 e il 2017 ha fatto registrare, per la prima volta in tre anni, una leggera flessione attestandosi sui 6,624 chilometri quadrati. Un risultato ottenuto grazie alle leggi in vigore che obbligavano i proprietari terrieri a preservare il territorio, senza coltivarlo, in una percentuale che a seconda dell'area oscillava dal 20% all'80%. Con l'avallo della Corte suprema, invece, i vincoli verranno ridotti su una quantità totale di foresta di 290mila chilometri quadrati, e verrà concessa un'amnistia per coloro che hanno rimosso gli alberi illegalmente prima del 2008.

Sviluppo dell’agricoltura

Secondo gli ambientalisti, la nuova normativa invece che preservare la foresta amazzonica premierà coloro che hanno deforestato in passato invitandoli indirettamente a continuare a farlo. "Con questa amnistia – spiega al The Guardian Nurit Bensusan, dell'organizzazione non governativa brasiliana Instituto Socioambiental - si creerà un clima che inviterà tutti a continuare a tagliare gli alberi, dando l'impressione di impunità". Le lobby degli agricoltori, che hanno fortemente sostenuto la riforma, sostengono al contrario che le nuove norme consentiranno uno sviluppo dell'economia brasiliana rimanendo nei confini della sostenibilità ambientale. 

Leggi tutto
Prossimo articolo

Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

Clicca l'icona e seleziona

"Aggiungi a Schermata Home"

Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

Clicca l'icona e seleziona

"Aggiungi a Home"