Regno Unito, una crema tra le probabili cause di numerosi incendi

Secondo le autorità britanniche la crema alla paraffina potrebbe aver giocato un ruolo chiave in diversi incendi scoppiati nel Paese (foto: archivio Ansa)
2' di lettura

Si tratta di una pomata alla paraffina, di uso piuttosto comune in Gran Bretagna, utilizzata per curare l'eczema e altre patologie della pelle

Una pomata a base di paraffina e di uso piuttosto comune in Gran Bretagna, per la cura dell'eczema e altre malattie della pelle, potrebbe aver contribuito allo "sviluppo di diversi incendi che nel corso degli anni avrebbero causato decine di morti". Lo rivela un'inchiesta della Bbc che ha citato fonti provenienti dai vigili del fuoco.  

Crema fortemente infiammabile

Il prodotto per la pelle in questione conterrebbe una sostanza altamente infiammabile. Questa crema lascerebbe tracce potenzialmente pericolose sui vestiti. Da qui il rischio che si sviluppino incendi al contatto con qualsiasi tipo di focolaio che potrebbe agire da innesco: da un mozzicone di sigaretta fino alle stufe. La Bbc ha ripoprtato alcuni casi di incidenti domestici dovuti proprio alla pomata per la pelle, con i residui di sigaretta che, a contatto con la paraffina contenuta nella crema, hanno fatto scoppiare un incendio.

Decine di morti in incendi

Il quotidiano britannico ha stimato più di 40 morti siano riconducibili all'uso di questo prodotto nella sola Inghilterra e solo a partire dal 2010. Secondo un vigile del fuoco che ha parlato alla Bbc, sarebbero centinaia di migliaia le persone che utilizzano questo prodotto. Di conseguenza, i morti causati da incendi innescati da questa crema potrebbero essere anche di più di quelli stimati.  Secondo il responsabile del gruppo per la sicurezza della comunità al London Fire Brigade, Mark Hazelton, molti servizi antincendio non avrebbero squadre investigative forensi in grado di valutare correttamente il ruolo della crema di paraffina negli incendi. Inoltre, sulle confezioni della pomata incriminata non comparirebbero avvertimenti. L'autorità di controllo del Regno Unito sui farmaci sta ancora conducendo un'indagine al riguardo.

Leggi tutto
Prossimo articolo