Nel 2018 torna il Game Boy (ma non sarà prodotto da Nintendo)

Il Game Boy di Hyperkin al Ces di Las Vegas (Facebook/Hyperkin)
3' di lettura

Il dispositivo funzionerà solo con le vecchie cartucce. Dovrebbe arrivare in estate ed avrà le stesse dimensioni dell'originale. A produrlo è l'americana Hyperkin, che lo ha presentato durante al Ces di Las Vegas

La tech-nostalgia continua a fare proseliti. L'ultimo, in ordine di tempo, a tornare sul mercato sarà il Game Boy, storico dispositivo portatile della Nintendo. A riportarlo in vita, almeno per il momento, non sarà però la casa Giapponese: al Ces di Las Vegas, infatti, a presentarne una nuova versione è stata la statunitense Hyperkin, società specializzata in periferiche vintage.

Com'è fatto il nuovo Game Boy

Il dispositivo si chiama Ultra Game Boy. Il nome però è provvisorio, anche perché bisognerà vedere quale sarà la reazione di Nintendo. Hyperkin spera di lanciare il prodotto in estate, a un prezzo inferiore ai 100 dollari. L'aspetto è davvero molto simile all'originale: stesse dimensioni (complessive e del display), confermati i quattro tasti classici (A, B, Select e Start, tutti di colore nero) e il cursore a forma di croce.Il prodotto avrà uno schermo monocolore e non ha giochi incorporati, come nelle riedizioni delle altre storiche console Nintendo. L'unico modo per tornare indietro di qualche decennio è aver avuto cura delle vecchie cartucce poiché solo inserendo le originali si potrà utilizzare l'Ultra Game Boy.

Le novità della versione "Ultra"

Anche se i giochi e l'aspetto generale sono praticamente identici al suo antenato, questo dispositivo dovrebbe introdurre diverse novità. Soprattutto sul comparto audio: il dispositivo è infatti dotato di una coppia di altoparlanti e il suono si diffonderà quindi in modalità stereo e non più mono. Addio anche alle vecchie pile, la versione Ultra sarà dotata di una batteria - ricaricabile attraverso una presa USB - con un'autonomia di 6 ore. Mentre la scossa di alluminio dovrebbe garantire una maggiore resistenza. Insomma, nessuna rivoluzione (non richiesta dai fan), ma solo dei ritocchi per renderlo più appetibile.

La tendenza dei retro-game

Le voci di un possibile ritorno del Game Boy si rincorrevano da tempo. La tendenza della tecnologia vintage, che riporta gli utenti alle funzionalità basiche sperimentate durante la loro infanzia, è sempre più forte. Lo confermano il ritorno del 3310 di Nokia e, per rimanere al settore videogiochi, le console NES e SNES di Nintendo, in versione mini e con giochi incorporati. I fan del gruppo giapponese invocavano il Game Boy: Hyperkin, non a caso specializzata in "retro-game", ha giocato d'anticipo: prima producendo un adattatore per nostalgici che trasformava lo smartphone in un Game Boy, ora lavorando direttamente ad un dispositivo fisico. Ma non è da escludere l'ipotesi di una riedizione originale, la palla passa a Nintendo.

Leggi tutto
Prossimo articolo