Google punta sull'arte e migliora le ricerche

Una mappa di Venezia a un evento di Google al Whitney Museum of Art di New York (Getty Images)
2' di lettura

Ogni mese sul motore di ricerca si fanno oltre 500 milioni di ricerche relative all'arte. Gli utenti ora avranno accesso ai risultati più pertinenti. Introdotta anche una nuova funzionalità di Street View

Le ricerche sull'arte effettuate ogni mese su Google sono più di 500 milioni. Per questo motivo la società di Mountain View ha deciso di perfezionare il suo motore di ricerca.

Le novità introdotte da Google

Gli amanti dell'arte avranno accesso a risultati più pertinenti, oltre che la possibilità di approfondire argomenti di loro interesse. Il team di Google Arts & Culture, in collaborazione con gli ingegneri della Ricerca di Mountain View, ha infatti migliorato il modo in cui i sistemi comprendono e riconoscono le opere e tutte le informazioni loro collegate: gli artisti che le hanno realizzate e i materiali utilizzati, il periodo di appartenenza e i musei di tutto il mondo che espongono le collezioni o comunque i luoghi in cui è possibile ammirarle. È stata aggiunta anche una nuova funzionalità Street View che permette di fornire nozioni fondamentali sulle opere d'arte durante le visite virtuali.

Immagini ad alta risoluzione

Quando si cercherà un artista, insomma, compariranno contenuti e nozioni su di lui e sulle sue opere. Si potranno scorrere i palazzi in cui queste sono ospitate e, per alcune, sarà persino possibile avere immagini in alta risoluzione.

Google Street View per l’arte

Come detto, anche Street View entra in campo in questa rivoluzione. "Per svilupparlo abbiamo utilizzato il nostro software di riconoscimento visivo”, ha spiegato in un post ufficiale Marzia Niccolai, Technical Program Manager di Google. Le funzionalità del nuovo strumento sono ricalcate su quelle di Google Foto. Così come quest'ultimo permette di cercare qualcosa nella nostra raccolta di fotografie, il nuovo software per l'arte scansiona i muri dei musei di tutto il mondo, riuscendo a identificare oltre 15mila opere d’arte.

Leggi tutto