Snapchat introduce la funzione di ricerca delle storie “collettive”

Il logo di Snapchat Stories (Getty Images)
1' di lettura

Lanciata negli Stati Uniti, la nuova opzione potrebbe presto essere esportata oltreoceano. Gli utenti potranno ora scegliere cosa guardare fra gli snap degli altri iscritti in base ai temi e alle parole chiave

 

Snapchat si rifà il look e introduce la possibilità di cercare Storie “collettive”. Lo annuncia in un comunicato lo stesso team Snap, la società che sviluppa l'app. “Da quando abbiamo lanciato Stories, nell'ottobre 2013, queste sono evolute dalla prospettiva personale a narrazioni collettive create dall'intera comunità”, si legge nella nota.

 

Le parole chiave – Con l'introduzione della nuova funzione, Snapchat tenterà di difendersi dall'offensiva di Facebook differenziando il proprio prodotto in modo da creare una comunità. Per riuscirci da oggi, al momento solo in alcuni Stati Usa, è stata introtta la possibilità di cercare non più gli snap (foto e video) privati, ma quelli che gli utenti decidono di condividere pubblicamente con la comunità degli iscritti. A sistemare ogni storia in apposite raccolte a tema ci sarà un team di curatori. A loro il compito di guidare gli utenti nella ricerca all'interno di narrazioni suddivise in base ai luoghi, agli eventi e alle parole chiave. E se ciò non dovesse bastare, la società ha già annunciato l'introduzione di nuove storie create con il “machine learning”, una forma d'intelligenza artficiale.

 

La crescita di Snapchat – Quella annunciata dall'azienda tech è la prima grande novità dopo la quotazione in Borsa, avvenuta lo scorso 2 marzo per la cifra di 24 miliardi di dollari. La nuova opzione potrebbe essere un tentativo di sondare le possibilità di vendita della pubblicità, visto che con la ricerca delle Storie, la piattaforma concederà la possibilità di guardare contenuti in diretta, video soprattutto, su argomenti specifici. “Le nostre hanno fornito copertura di interessanti eventi in tutto il mondo, dai campi del SuperBowl fino alla cima del Monte Everest!”, recita il comunicato. Per gli esperti, quella annunciata è una contromossa resa necessaria dalle politiche aziendali di Facebook che sta portando sulle sue piattaforme (Instagram e WhatsApp) gli elementi distintivi di Snapchat, dalle Storie ai messaggi "usa e getta". A gennaio Snapchat aveva già semplificato la navigazione interna con la ricerca "universale" per amici, gruppi e contenuti editoriali.

Leggi tutto