Ecco come saranno le navicelle per il turismo spaziale di Jeff Bezos

Jeff Bezos durante la conferenza Satellite 2017 (Getty Images)
2' di lettura

Blue Origin, la società creata dal fondatore del padre di Amazon, ha svelato gli interni della capsula che porterà i primi turisti spaziali nello spazio

I passeggeri che viaggeranno con Blue Origin potranno mettersi comodi. Sono state pubblicate le prime immagini degli interni di New Shepard, la navicella che porterà nello spazio i turisti spaziali. Jeff Bezos, fondatore di Blue Origin e numero uno di Amazon, ha già fissato l'obiettivo: i primi clienti potrebbero volare entro la fine dell'anno.

 

Un salotto spaziale – Dimenticate lo stile spartano di Shuttle e stazioni spaziali: la capsula di New Shepard somiglia a un salotto hi-tech. Con sei comode sedute e altrettante finestre panoramiche (le più ampie tra i progetti che puntano al turismo spaziale) per godere dello spettacolo extra-terrestre. In assenza di gravità, i passeggeri potranno poi slacciare le cinture e galleggiare nell'abitacolo. Le immagini sono state inviate in una mail da Jeff Bezos ad alcuni collaboratori e pubblicate in anteprima da Mashable.

 

 

Come vola New Shepard – Blue Origin non ha ancora trasportato alcun passeggero, ma continua a rodare i suoi razzi. New Shepard (il vettore destinato a spingere il primo viaggio) ha effettuato cinque test, l'ultimo dei quali concluso con successo lo scorso ottobre. In linea con i suoi concorrenti (ad esempio Space X e Virgin Galactic), la società punta a riutilizzare più volte lo stesso razzo e la stessa capsula per minimizzare i costi. Un obiettivo che ha plasmato la tecnologia alla base del progetto. I propulsori spingeranno New Sheperd fino a una quota di 100 chilometri. La capsula tornerà poi sulla terra, accompagnata da un set di paracadute. Mentre il razzo tornerà al suolo grazie a un atterraggio verticale.

 

 

Il ricco viaggio nello spazio – Nel 2015, Bezos aveva espresso la volontà di vedere “milioni di persone viaggiare e lavorare nello spazio”. Ma, per ora, il progetto è a dir poco elitario. Il costo del biglietto per salire a bordo del New Sheperd non è ancora noto. Ma l'ordine di grandezza non dovrebbe essere diverso da quello dei concorrenti. Virgin Galactic prevede che la gita spaziale sulla sua navicella (la SpaceShipTwo) costerà intorno ai 250mila dollari. Nonostante il prezzo (e il disastroso incidente del 2014) c'è la fila: le prenotazioni sarebbero già 700.  

Leggi tutto