Ad aprile apre l'Apple Park, la nuova sede sognata da Steve Jobs

Un particolare dell'Apple Park (foto Apple)
1' di lettura

L'annuncio alla vigilia del compleanno del fondatore. L'edificio di Cupertino funzionerà interamente grazie alle energie rinnovabili e manderà in pensione l'Apple Campus

Tutto pronto per il trasloco in casa Apple. Ad aprile comincerà il tanto atteso cambio di sede, con oltre 12mila dipendenti che lasceranno l'attuale spazio per spostarsi nell'Apple Park disegnato dalla squadra dell'architetto inglese Norman Foster e fortemente voluto da Steve Jobs. E proprio al fondatore di Apple, che avrebbe compiuto 62 anni venerdì 24 febbraio, sarà dedicato il teatro all'interno del nuovo campus.

La struttura fatta di panneli in vetro ricurvi – L'Apple Park si trova sempre a Cupertino, a pochi chilometri dalla vecchia struttura, immerso in uno spazio verde nel cuore della Santa Clara Valley, di cui la struttura occupa circa 70 ettari. L'edificio principale di 260mila metri quadri, a forma di anello e dall'esterno simile a uno stadio, è interamente ricoperto dai pannelli in vetro ricurvi più grandi mai realizzati al mondo (per i quali è stato necessario l'acquisto di una fabbrica specializzata nella loro realizzazione). Il trasloco degli impiegati inizierà ad aprile e durerà sei mesi.



Un progetto green – Il campus sorge in un'ex zona cementificata che è stata convertita in area verde grazie a un nuovo manto erboso e alla decisione di piantare oltre novemila alberi autoctoni e resistenti alla siccità. Inoltre, la sede sarà al 100% alimentata da energia rinnovabile per mezzo dei pannelli solari da 17 megawatt che ricoprono l'intera parte superiore, e – come ricorda Apple in un comunicato – sarà il più grande edificio a ventilazione naturale del mondo, progettato per non avere bisogno di riscaldamento o aria condizionata per nove mesi l'anno.

 



La dedica a Jobs – Il teatro all'interno della struttura (in foto un rendering) prenderà il nome di Steve Jobs Theater, in memoria del fondatore di Apple che il 24 febbraio avrebbe fatto 62 anni e che aveva sempre spinto per il progetto della nuova sede. “La sua intenzione – spiega sempre nel comunicato l'attuale ceo della Mela, Tim Cook – era quella che l'Apple Park si convertisse nel centro dell'innovazione per le generazioni future”. “In questo campus così luminoso Steve avrebbe raggiunto grandi successi – aggiunge la vedova di Jobs, Laurene Powell – come faranno gli uomini di Apple”.

L'apertura al pubblico – Il teatro, situato su una collina, avrà un auditorium in grado di ospitare mille persone e verrà ufficialmente inaugurato verso la fine dell'anno. La nuova sede avrà anche un centro per i visitatori con l'immancabile Apple Store e un bar, oltre a una palestra a uso esclusivo dei dipendenti, che saranno gli unici anche a poter assaporare gli oltre tre chilometri di passeggiate immersi nel verde del parco.

 

Leggi tutto