Arriva la doppia autenticazione: così WhatsApp diventa più sicuro

WhatsApp aggiorna la sua privacy (Getty Images)
1' di lettura

L'ultimo aggiornamento dell'app introduce un secondo "fattore" per verificare l'identità dell'utente. Il numero di telefono non basta: arriva la password

WhatsApp da oggi è più sicuro. Gli utenti possono attivare l'autenticazione a due fattori. Si tratta di una procedura che consente di inserire una barriera ulteriore per proteggere il proprio account. Più o meno come fanno molte app finanziarie, che richiedono password e altri codici (come quello generato da mobile token). Nel caso di WhatsApp, il primo “fattore” è il numero di telefono, abbinato all'app e necessario al momento dell'installazione. Fino a ora era l'unico dato personale richiesto per verificare la titolarità dell'account. Da oggi, ci sarà un altro step da compiere: per accedere, sarà necessario inserire una password a sei cifre. Vista la frequenza di utilizzo, WhatsApp ha optato per una soluzione che non intralci troppo la navigazione: la password non sarà richiesta a ogni accesso ma solo una volta ogni sette giorni.

 

Come attivare la doppia autenticazione – L'autenticazione a due fattori era stata già stata lanciata in una versione sperimentale per Android. Adesso sarà messa gradualmente a disposizione di tutti. Servono però alcune azioni da parte degli utenti. Prima di tutto: la funzione è presente solo sulle nuove versioni. Occorre quindi un aggiornamento. Per chi lo ha attivato in automatico, nessun problema. Per chi ha preferito quello manuale, dovrà farlo il prima possibile. Dopo questo primo passo, serve attivare la funzione: WhatsApp l'ha infatti prevista come un'opzione e non come un obbligo. Anche in questo caso, la procedura è molto semplice: basta accedere all'app, entrare in “Impostazioni”, poi in “Account”. Apparirà, oltre alla lista attualmente visibile (che comprende privacy, sicurezza, cambia numero ed elimina account) ci sarà una nuova voce: “Two-step verification” nella versione inglese (Doppia autenticazione). Toccate “Attiva” e il gioco è fatto.

 

Perché è importante – Nel corso degli anni, WhatsApp ha spinto molto sul tema della privacy. Prima ha introdotto (in automatico e per tutte le conversazioni) la crittografia end-to-end. Si tratta di una tecnologia che consente di vedere la chat solo ai partecipanti. L'autenticazione a due fattori è l'altro tassello: non è rivolto alla protezione della conversazione ma a quella dell'account.

 

Attenzione agli attacchi - E se dimentico la password? Niente paura. Tra le nuove opzioni, c'è anche la possibilità di richiedere l'invio di una mail contenente un link. Sarà il vostro lasciapassare verso la disattivazione della doppia verifica. In sostanza un modo per aggirare la mail. Proprio perché si tratta di un passaggio delicato e passibile di attacco, WhatsApp raccomanda gli utenti. L'applicazione non invierà una mail di verifica. Digitate quindi l'indirizzo con molta cura, prestando attenzione al fatto che l'account di posta sia attivo. Ma soprattutto: “Se ricevete una mail che chiede di disabilitare l'autenticazione a due fattori senza che voi lo abbiate richiesto, non cliccate sul link. Potrebbe essere un tentativo di furto del vostro numero di telefono”.

Leggi tutto