Google Chrome mobile si aggiorna: aggiunto il lettore di QR code

Persone davanti ad uno stand di Google Chrome (Getty Images)
1' di lettura

La nuova versione del browser di Big G per smartphone permette ora di eseguire, attraverso un'apposita funzione integrata, le scansioni dei piccoli moduli bianchi e neri

Google manda in pensione i vecchi lettori di QR code. Grazie all'ultima versione di Chrome mobile, il browser di Big G. dedicato agli smartphone, è infatti possibile eseguire direttamente dal proprio programma di navigazione la scansione dei piccoli moduli bianchi e neri apposti su diversi prodotti.

 

Come funziona? – Il lettore di codici, disponibile nell'ultimo aggiornamento rilasciato il 2 febbraio dall'azienda di Mountain View, può essere lanciato sia toccando un'icona di collegamento sullo schermo del telefono, sia lanciando la ricerca della parola "QR" direttamente dal browser. La nuova funzionalità permette inoltre di leggere i tradizionali codici a barre stampati su ogni genere di prodotto e far partire, in automatico, il motore di ricerca per un controllo sui prezzi, sulle recensioni e su tante altre informazioni.

 

Il ritorno dei QR Code – Sviluppato nel 1994 dalla compagnia giapponese Denso Wave, il Codice QR prese il nome dall'abbreviazione delle parole inglesi "Quick Response" (risposta rapida) dal momento che in esso erano racchiuse le informazioni su un prodotto, un evento, un'organizzazione, alle quali si poteva accedere rapidamente con una scansione eseguita con la fotocamera del proprio smartphone. Dopo un iniziale boom e un successivo declino, il Codice QR è tornato in auge grazie a popolari applicazioni come Snapchat, Kik e Messenger e alle nuove regole sulle etichettature dei prodotti alimentari. Anche un colosso delle vendite del calibro di Amazon ha iniziato a inserire nel packaging dei suoi prodotti il QR Code. Sembrerebbe essere stata questa ritrovata popolarità a convincere gli sviluppatori californiani ad inserire questa funzione alle altre disponibili nel browser del primo motore di ricerca al mondo.

Leggi tutto