Twitter insegue il NewsFeed di Facebook: ecco la sezione Esplora

Cambiamenti grafici (e non solo) per Twitter (Getty Images)
1' di lettura

Il sito di microblogging lancia una nuova funzione per rendere più facile la consultazione delle notizie. Si allontana così dal suo modello originario e si avvicina a quello di Zuckerberg

Twitter battezza “Esplora”. Si tratta di una nuova sezione nella quale confluiscono tutte le funzioni fin qui utilizzate per individuare gli argomenti più in voga: tendenze, i migliori video in diretta, i “Momenti” (cioè la sezione che interrompe il flusso dei tweet per indicare le discussioni e i temi più discussi) e la barra di ricerca. “Esplora” arriverà prima su iPhone e iPad e, nelle prossime settimane, anche su Android.

 

Perché Twitter Esplora – Da tempo il sito di microblogging sta cercando di modificare il proprio assetto originario per ampliare il bacino di utenti. In molti casi con l'obiettivo di aggirare alcuni limiti che il ceo Jack Dorsey ha più volte definito invalicabili: il limite dei 140 caratteri e gli aggiornamenti in tempo reale. “Esplora” è un altro modo, come già l'introduzione di Moments, per dare un'alternativa alla navigazione cronologica pura. È un algoritmo a scegliere quello che sembra essere l'argomento di maggiore interesse del momento. Si tratta di un orientamento che insegue il NewsFeed di Facebook: Mark Zuckerberg ha da tempo abbandonato una bacheca fondata sullo scorrere del tempo per privilegiare post più commentati, con più like o di persone con le quali interagiamo più spesso. “Durante la nostra ricerca – ha affermato Angela Lam – gli utenti ci hanno suggerito che una tab che facilitasse la ricerca di notizie e trend”.

 

La mutazione di Twitter – Insomma, per Twitter sembra che sia in corso una vera e propria mutazione genetica. Anche se la società continua a dire che “non cambierà nulla ma sarà solo più semplice trovare ciò che vuoi”. Lo aveva affermato anche in un'altra occasione, a proposito di un altro totem, quello dei 140 caratteri. Jack Dorsey continua a ripetere che quel paletto non verrà rimosso. Anche se, da quando il fondatore ha sostituito l'ex ceo Dick Costolo (irremovibile su questo punto), le modifiche ci sono state: lo spazio nei messaggi privati è stato ampliato; e sono stati esclusi dal conteggio i link di foto e articoli. Formalmente, il vincolo dei 140 caratteri resta. Di fatto, è già stato superato.    

Leggi tutto