"Io sto con la sposa", su Sky Arte il docufilm di Gabriele Del Grande

Un'immagine del docufilm "Io sto con la sposa"
2' di lettura

Il 22 aprile andrà in onda il documentario realizzato dal giornalista italiano trattenuto in Turchia dallo scorso 10 aprile. La pellicola documenta il viaggio clandestino dall'Italia alla Svezia di cinque migranti palestinesi e siriani

A partire dalle 19.30 di sabato 22 aprile andrà in onda su Sky Arte Hd e su Sky Tg24 Active "Io sto con la sposa", il docufilm firmato dal giornalista Gabriele Del Grande, in collaborazione con Antonio Augugliaro e Khaled Soliman Al Nassiry. Del Grande è stato fermato lo scorso 10 aprile al confine tra la Siria e la Turchia e da allora è trattenuto nel centro di detenzione amministrativa di Mugla, sulla costa egea del Paese. 

Il viaggio fino alla Svezia

Il docufilm "Io sto con la sposa" documenta il viaggio clandestino dall'Italia alla Svezia di cinque migranti palestinesi e siriani. Uno scrittore siriano-palestinese (Khaled Soliman Al Nassiry) e un giornalista italiano (Gabriele Del Grande) incontrano a Milano i cinque migranti, sbarcati a Lampedusa per sfuggire alla guerra. I due decidono di aiutarli a proseguire il loro viaggio  nel cuore dell'Europa fino ad arrivare alla Svezia. Poiché sprovviste di documenti validi per passare le frontiere, le cinque persone devono attraversare i confini senza essere riconosciuti: per evitare che vengano arrestati, viene messo a punto un ostratagemma molto particolare, un finto matrimonio con finti invitati e una finta sposa. "Chi potrebbe mai chiedere i documenti a una sposa?" Partendo da questa domanda e con questa convinzione, i tre registi dell'impresa e del film hanno dato vita a un viaggio avventuroso che li ha portati ad attraversare insieme ai migranti l'Europa da sud a nord, per un totale di tremila chilometri percorsi in quattro giorni.

Il finanziamento del docufilm

Durante il percorso, non sono mancati momenti di difficoltà, ma nemmeno episodi emozionanti. Il gruppo, formato in tutto da 23 persone, si è arrampicato sulle montagne per passare il confine fra Italia e Francia, ma ha anche dato vita a un concerto rap a Marsiglia per esaudire il sogno di un odei viaggiatori.  A riprese concluse, i realizzatori del film hanno avviato una campagna di crowdfunding allo scopo di finanziare e completare la post produzione in tempo utile per presentarlo, entro luglio del 2014, alla 71esima edizione della Mostra internazionale d'arte cinematografica di Venezia, nella la sezione "Orizzonti". La raccolta fondi è andata a buon fine e il film è uscito nelle sale italiane il 9 ottobre del 2014, ottenendo un buon successo al botteghino.

Leggi tutto