Vaccini, Mattarella firma decreto: obbligatori per frequenza a scuola

6' di lettura

Il presidente della Repubblica ha dato il via libera al provvedimento che reintroduce l'obbligo delle vaccinazioni per la frequenza scolastica. In vigore da domani, riguarderà il prossimo anno. Lorenzin: obiettivo è "piena immunizzazione". Ecco i 12 vaccini obbligatori

Il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha firmato il decreto che reintroduce l'obbligo delle vaccinazioni per la frequenza a scuola. Il decreto sarà pubblicato in Gazzetta Ufficiale questa sera e entrerà in vigore da domani. L'annuncio è stato dato nella conferenza stampa tenuta dalla ministra della Salute Beatrice Lorenzin subito dopo la firma di Mattarella.

Obiettivo è “piena immunizzazione”

Le vaccinazioni che diventano obbligatorie nella fascia 0-6 anni, a partire dal prossimo anno scolastico, sono dodici. La ministra ha rassicurato i genitori: nelle prossime settimane non c'è bisogno di alcuna corsa alle vaccinazioni per iscrivere i bambini al prossimo anno. Lorenzin ha annunciato una “fase transitoria” che garantirà il tempo necessario per adempiere alla norma. “Da domani – ha spiegato – e fino al 10 settembre ci sarà tempo di procedere per fare le richieste per le vaccinazioni o per effettuare le stesse; poi, dal 10 settembre al 10 marzo, ci sarà tempo per produrre la documentazione”. La ministra ha sottolineato come l'obiettivo da raggiungere sia “la piena immunizzazione per la popolazione scolastica: entro due anni la si raggiungerà per malattie le cui vaccinazioni erano già obbligatorie, mentre ci vorranno 3-4 anni per malattie come il morbillo”.

Cosa succede se non si vaccina

Per iscrivere il figlio a scuola, il genitore, può anche autocertificare l’avvenuta vaccinazione. Ha tempo, poi, fino al 10 luglio di ogni anno per presentare copia del libretto vaccinale. L’iscrizione è consentita anche con la semplice richiesta di vaccinazione all’Asl, in attesa che l’ente provveda a fissare la data per la vaccinazione entro al fine dell’anno scolastico. Nel caso in cui il genitore non presenti la documentazione, i bambini da zero a sei anni non possono accedere agli asili-nido e alle scuole materne, mentre quelli da 6 a 16 anni possono comunque accedere a scuola: in entrambi i casi il dirigente scolastico è tenuto a segnalare la violazione alla Asl entro dieci giorni. La Asl, quindi, deve contattare i genitori per un appuntamento e un eventuale colloquio informativo. Se i genitori non si presentano all'appuntamento o non provvedono a far vaccinare il bambino, la Asl deve segnalare al Tribunale per i minori. Sarà il magistrato a stabilire se aprire un fascicolo. Si prevedono sanzioni pecuniarie da 500 a 7.500 euro.

I dodici vaccini obbligatori

Le vaccinazioni obbligatorie passano quindi da quattro a dodici. Sono:

- Antidifterica: la difterite è una malattia infettiva acuta provocata da un batterio che, una volta entrato nel nostro organismo, rilascia una tossina che può danneggiare o distruggere organi e tessuti. Il vaccino era già obbligatorio e somministrato ai nuovi nati con l'esavalente;

- Antitetanica: il tetano è una malattia infettiva acuta causata da un batterio presente in natura che produce una neurotossina, la tetanospasmina. Le spore contaminano spesso la terra e penetrano nell'organismo umano attraverso ferite. Possono quindi produrre la tossina che raggiunge il sistema nervoso centrale, causando contrazioni e spasmi muscolari che iniziano dal capo e progrediscono verso tronco e arti. La vaccinazione, obbligatoria per i nuovi nati, è inclusa nell'esavalente;

- Antipoliomelitica: la poliomelite è causata dal polio-virus che invade il sistema nervoso nel giro di poche ore, distruggendo le cellule neurali colpite e causando una paralisi che può diventare, nei casi più gravi, totale. Il contagio avviene per via oro-fecale, attraverso acqua o cibi contaminati o tramite la saliva. Solo l'1 per cento dei malati sviluppano la paralisi. In Italia il vaccino inattivato era già obbligatorio e incluso nell'esavalente;

- Antiepatite virale B: l’epatite B è dovuta un virus (Hbv)che nella maggior parte dei casi provoca un'infezione asintomatica, ma se si evolve in malattia può provocare cancro al fegato. Il tasso di letalità è circa l'1 per cento. Nei neonati la cronicizzazione si verifica 9 volte su 10. Nel 20 per cento dei casi può progredire in cirrosi epatica nell'arco di circa 5 anni. La trasmissione avviene attraverso trasfusioni di sangue, tagli e punture con aghi o strumenti infetti, ma anche per via sessuale e da madre a figlio. La vaccinazione era già obbligatoria e inclusa nell'esavalente;

- Anti-pertosse: la pertosse colpisce prevalentemente bambini sotto i 5 anni. Progressivamente la tosse diventa parossistica e si associa a difficoltà respiratorie. Può causare apnea, cianosi e vomito. Nei bambini al di sotto di 1 anno può essere mortale. Il contagio avviene attraverso goccioline di saliva. In Italia la vaccinazione non era obbligatoria ma inclusa nell'esavalente;

- Anti- meningococco B: la meningite B rappresenta il 70 per cento dei casi di meningite, colpisce tra i 700 e i 1.100 bambini ogni anno in Italia. È dovuta al meningococco B, batterio in grado di uccidere in meno di 24 ore;

- Anti-meningococco C: la meningite C è provocata dal meningococco C che alberga nelle vie respiratorie, spesso di portatori sani. I sintomi sono inizialmente simili a quelli influenzali. Successivamente il mal di testa diventa forte, compare rigidità muscolare, febbre alta, perdita di conoscenza, convulsioni, macchie sul corpo. Nel 10-20 per cento dei casi ha decorso fulminante e porta al decesso in poche ore;

- Anti-morbillo: il morbillo è una malattia infettiva molto contagiosa che colpisce spesso i bambini tra 1 e 3 anni. È responsabile di un numero compreso tra le 30 e le 100 morti ogni 100.000 persone colpite. Le complicazioni sono dovute principalmente a otite, laringite, diarrea, polmonite o encefaliti. Il vaccino in Italia non era obbligatorio ed era incluso nel trivalente (Mpr);

- Anti-rosolia: la rosolia si manifesta con un'eruzione cutanea, di solito benigna per i bambini, ma che diventa pericolosa durante la gravidanza perché può generare un aborto spontaneo o gravi malformazioni fetali. La vaccinazione non era obbligatoria, ma consigliata e inclusa nel trivalente (Mpr);

- Anti-parotite: la parotite si manifesta con la tumefazione delle ghiandole parotidi, poste sotto i padiglioni auricolari. Tra le complicazioni vi sono encefaliti, meningiti, pancreatite. Nei bambini, in 5 casi ogni 100.000 di malattia, causa perdita dell'udito. Nel 20-30 per cento dei maschi dopo la pubertà provoca orchite, malattia infiammatoria dei testicoli. Il contagio in gravidanza è associato al rischio di aborti spontanei. Il vaccino non era obbligatorio, ma incluso nel trivalente (Mpr);

- Anti-varicella: la varicella, provocata dal virus Varicella zoster, in genere guarisce in 10 giorni ma ha un decorso più aggressivo nell'adolescente e nell'adulto. La complicanza più comune è la polmonite. I virus rimane latente e nel 10-20 per cento dei casi si risveglia a distanza di decenni, dando luogo all'herpes zoster o “fuoco di Sant'Antonio”;

- vaccino contro l'Haemophilus influenzae: l’Haemophilus influenzae di tipo b (Hib) causa infezioni spesso severe, soprattutto tra i bambini sotto ai 5 anni. Normalmente provoca una malattia simil-influenzale, che si risolve nel giro di qualche giorno. In alcuni casi, invece, può evolvere in forme gravi. La letalità è del 2-5 per cento. Chi guarisce può avere però conseguenze neurologiche (15%-30% casi). Il vaccino non era obbligatorio ma incluso nell'esavalente.

Leggi tutto