Comunali 2017, Alessandria: otto candidati sindaco e 21 liste

Una veduta aerea della città di Alessandria (Fotogramma)
4' di lettura

Maria Rita Rossa, primo cittadino uscente di centrosinistra, che verrà sostenuta da 4 liste, dovrà difendere la fascia tricolore anche da due membri della sua stessa giunta: l’ex assessore Gianni Ivaldi e l’ex vicesindaco Oria Trifoglio. IL LIVEBLOG

Anche il comune piemontese di Alessandria è tra i 25 capoluoghi di provincia che il prossimo 11 giugno andranno al voto per scegliere il sindaco dei prossimi 5 anni. A correre per la poltrona di Palazzo Rosso, sede del Municipio, si sfideranno il primo cittadino uscente Maria Rita Rossa e altri sette candidati per un totale di 21 liste in campo. Nel caso in cui dal primo turno non dovesse uscire un vincitore con la maggioranza delle preferenze, gli alessandrini saranno chiamati ad esprimersi di nuovo domenica 25 giugno per scegliere tra i due più votati. (Qui tutti i risultati in tempo reale).

Maria Rita Rossa, il sindaco uscente

Dopo cinque anni segnati dalla dichiarazione di dissesto nel 2012, il sindaco uscente, Maria Rita Rossa, si ricandida rivendicando di "aver riportato la legalità nei conti e abbassato il debito" cittadino. A sostenerla il Partito Democratico e tre liste: "Sinistra per Alessandria", "Lista Rossa" e "Moderati per Rossa". Nella scorsa tornata elettorale si è guadagnata la fascia tricolore contro il sindaco uscente del tempo sostenuto dal Popolo della Libertà, Piercarlo Fabbio, ottenendo al secondo turno il 67,97% dei voti contro il 32,02% dell’avversario. Per rimanere a Palazzo Rosso si è presentata ai suoi concittadini con un programma che punta "ad aprire molti cantieri per la manutenzione cittadina" dopo aver riconquistato la credibilità dell’amministrazione comunale. L’11 giugno, però, Rossa dovrà riuscire a invertire la tendenza che ha visto sconfitti i due primi cittadini in carica negli ultimi due appuntamenti elettorali.

Sfidanti "interni"

Nella corsa alla carica di sindaco Rossa avrà contro due membri della propria giunta: l’ex assessore Gianni Ivaldi e l’ex vicesindaco Oria Trifoglio. Quest’ultima è la candidata sindaco del "Quarto Polo", un "movimento trasversale, che va al di là del pensiero politico" e verrà sostenuta dalle liste "Quarto Polo Oria Trifoglio", "Partecipazione Democratica Oria Trifoglio"e "Patto per Alessandria Oria Trifoglio". Medico di 66 anni, Trifoglio si era dimessa dal suo incarico di vicesindaco "per incompatibilità con il mio lavoro di dirigente di struttura complessa per l’azienda ospedaliera"; ora però assicura che, nel caso dovesse essere eletta, lascerebbe il lavoro per dedicarsi alla città. Gianni Ivaldi - a cui nel 2013 il sindaco Rossa aveva deciso di ritirare le deleghe in seguito alla sua decisione di non votare l’ipotesi di Bilancio stabilmente riequilibrato -  verrà sostenuto invece dalle liste "Led Laboratorio di Energie per il Domani" e "Riaccendiamo Alessandria".

Il centrodestra

Sotto il nome di Gianfranco Cuttica di Revigliasco si riunisce quasi la totalità del centrodestra alessandrino composto da Lega Nord, Forza Italia, Fratelli d’Italia e la lista civica "SìAmo Alessandria". Insegnante cinquantanovenne, Cuttica di Revigliasco proverà a guadagnarsi la fascia tricolore attraverso "un piano di normalizzazione della città in termini di vivibilità, sicurezza, decoro ed economia", agevolando gli insediamenti produttivi con sgravi fiscali, oneri ridotti e burocrazia più snella. Alla destra di Cuttica di Revigliasco, invece, si candida l’ex consigliere di Fratelli d’Italia, Emanuele Locci, con il sostegno di tre liste: "Locci Sindaco", "Direzione Italia per Locci", "Alessandria Migliore".

Il M5s si presenta con un programma condiviso

Il candidato alessandrino del partito di Beppe Grillo sarà Michelangelo Serra che si presenta con un programma frutto del lavoro di due anni, nato dalla "condivisione con militanti e cittadini". Per farsi eleggere punterà, tra le altre proposte, sul rilancio della Cittadella, che dovrà restare fruibile al pubblico con una destinazione culturale, e sul tentativo di coinvolgere il più possibile la cittadinanza all’interno della gestione amministrativa con l’istituzione di un "question time del cittadino" in Consiglio Comunale.

Gli altri candidati

In corsa anche altri due candidati. L’ex Moderato, Cesare Miraglia, che si presenta come rappresentate civico e centrista e che verrà sostenuto dalle liste "Sindaco Cesare Miraglia", "Lista Civica", "Verdi" e "Giovani Civici". E infine Domenico Campana che verrà sostenuto dalla lista "Ripresa d’Italia".

Data ultima modifica 05 giugno 2017 ore 11:25

Leggi tutto