Italicum, la Consulta: garantire maggioranze parlamentari omogenee

1' di lettura

Depositate le motivazioni della sentenza con cui il 25 gennaio la Corte Costituzionale ha “corretto” la legge elettorale

La legge elettorale deve garantire “maggioranze omogenee alla Camera e al Senato”. Le modalità di attribuzione del premio al ballottaggio determinano, nell'Italicum, “una lesione” della Costituzione perché si tratta di un premio di maggioranza e non di governabilità. Sui capilista serve una “regola più adeguata” del sorteggio. Sono alcune delle motivazioni della sentenza con cui il 25 gennaio la Consulta ha “corretto” l'Italicum e che sono state depositate oggi.

"Maggioranze parlamentari omogenee" - La Costituzione - si legge nel documento di circa 100 pagine - "se non impone al legislatore di introdurre, per i due rami del Parlamento, sistemi elettorali identici, tuttavia esige che, al fine di non compromettere il corretto funzionamento della forma di governo parlamentare, i sistemi adottati, pur se differenti, non devono ostacolare, all'esito delle elezioni, la formazione di maggioranze parlamentari omogenee".

Ballottaggio sacrifica rappresentatività - La Corte esprime anche dubbi sul ballottaggio che, così come configurato dall'Italicum, rischia di "comprimere eccessivamente il carattere rappresentativo dell'assemblea elettiva e l'eguaglianza del voto". "Una lista - chiarisce infatti la Corte - può accedere al turno di ballottaggio anche avendo conseguito, al primo turno, un consenso esiguo, e ciononostante ottenere il premio, vedendo più che raddoppiati i seggi che avrebbe conseguito sulla base dei voti ottenuti al primo turno". Da tali disposizioni dunque si produce "un effetto distorsivo" analogo a quello individuato dalla Consulta nella sentenza contro il Porcellum.

"Il legittimo perseguimento dell'obbiettivo della stabilità di Governo - prosegue la Consulta - di sicuro interesse costituzionale, provoca in tal modo un eccessivo sacrificio dei due principi costituzionali ricordati". Infatti la Corte riconosce l'esigenza di indicare con chiarezza "quale sia la parte politica destinata a sostenere, in prevalenza, il governo del Paese", ma "tale obbiettivo non può giustificare uno sproporzionato sacrificio dei principi costituzionali di rappresentatività e di uguaglianza del voto, trasformando artificialmente una lista che vanta un consenso limitato, ed in ipotesi anche esiguo, in maggioranza assoluta". 

Leggi tutto