La giustizia Usa ferma Trump: blocco temporaneo sui "Dreamer"

2' di lettura

Nuovo schiaffo al presidente americano. Un giudice distrettuale accoglie la richiesta di fermare l’ordine che mette fine al programma che tutela le persone arrivate nel Paese da bambini con genitori illegali. Stop almeno fino a quando le varie cause non saranno risolte

La giustizia americana blocca temporaneamente la decisione dell'amministrazione Trump di mettere fine al programma che tutela i Dreamer, le 800mila persone arrivate negli Stati Uniti da bambini con genitori immigrati illegali. Il giudice distrettuale William Alsup, infatti, ha accolto la richiesta di fermare l'ordine di Donald Trump sulla fine del Deferred Action for Childhood Arrivals (Daca) almeno fino a quando le varie cause avviate non saranno risolte. Il programma, nelle intenzioni del presidente Usa, dovrebbe chiudersi il prossimo 5 marzo.

Nuovo schiaffo a Trump

La decisione della giustizia americana rappresenta un nuovo schiaffo al presidente sul fronte dell'immigrazione: lasciano di fatto in vigore le norme dell'era Obama fino a quando le azioni legali avviate non saranno risolte. Una decisione che arriva proprio mentre sono in corso le trattative per risolvere l'impasse sui Dreamer. Il primo incontro fra democratici e repubblicani si è tenuto a porte chiuse nelle scorse ore e, secondo la Casa Bianca, è stato positivo. Vertice “produttivo e di successo”, ha detto la portavoce di Trump, Sarah Sanders. Si starebbe lavorando a una legge bipartisan che includa la sicurezza dei confini, la lotteria dei visti, la catena migratoria e, appunto, il programma per i Dreamers. Il nodo da sciogliere sarebbe la volontà di Trump di legare il programma sui Dreamer al muro con il Messico, al quale i democratici si oppongono.

Leggi tutto
Prossimo articolo