Brucia la California, forti venti alimentano incendi: 200mila evacuati

3' di lettura

I roghi continuano a devastare il sud dello Stato e la situazione potrebbe peggiorare con il persistere delle attuali condizioni meteo. La polizia sta passando casa per casa per assicurarsi che tutti lascino le proprie abitazioni. Una vittima nella contea di Ventura

Gli incendi non danno tregua alla California. Le fiamme stanno devastando il sud dello Stato ormai da lunedì, alimentate dal terreno arido e dai venti caldi e secchi che soffiano a oltre 120 chilometri orari. La situazione potrebbe addirittura peggiorare perché sono attesi forti venti che potrebbero alimentare ulteriormente i roghi, riferisce il Los Angeles Times. Il sindaco di L.A. Eric Garcetti ha detto che sono attese le stesse condizioni meteo per i prossimi 5 giorni, il che potrebbe complicare anche i soccorsi e lo spegnimento degli incendi con mezzi aerei. Le autorità restano in massima allerta: “Non saremo in grado di combattere contro il fuoco con questo tipo di venti“, ha spiegato al quotidiano di Los Angeles il direttore del Dipartimento delle foreste e antincendio. Per la pericolosità dell'incendio sono state evacuate oltre 200mila persone, e si è registrata una vittima nella contea di Ventura. La polizia, intanto, sta bussando alle porte delle case e utilizza gli altoparlanti per assicurarsi che tutti lascino le abitazioni.

200mila persone evacuate

Sono oltre 200mila le persone evacuate per la pericolosità dell’incendio ribattezzato “Skirball”, che sta minacciando Los Angeles e alcuni dei suoi quartieri più noti e ha portato le autorità a emettere un’allerta “viola”, mai usata prima. Le fiamme hanno raggiunto anche i lussuosi quartieri di Bel-Air e di Beverly Hills. Diverse case sono già in cenere e quella del magnate Rupert Murdoch è circondata dalle fiamme. Il governatore della California Jerry Brown ha dichiarato lo stato di emergenza e destinato risorse statali per sostenere i vigili del fuoco impegnati a contrastare le fiamme.

Una vittima nella contea di Ventura

Da quando è scoppiato l'incendio Thomas, il più grande che sta colpendo contee e città del sud della California, le fiamme hanno devastato circa 80mila acri (32mila ettari) in poco più di un giorno e causato la morte di una persona nella contea di Ventura. L'area interessata è a circa 45 minuti dal centro di Los Angeles. I forti venti hanno fatto il resto e, tra gli altri incendi, uno è scoppiato nella zona di Bel-Air. Alcune strade si sono ingolfate quando migliaia di residenti si sono messi in auto. La polizia ha bussato alle porte e ha usato gli altoparlanti per assicurarsi che tutti lasciassero le abitazioni.

Il tweet di Trump

Su Twitter il presidente degli Stati Uniti ha rivolto un pensiero a chi è stato colpito dagli incendi e ha ringraziato i soccorsi per "l'incredibile lavoro", invitando la popolazione a prestare attenzione ai consigli e agli ordini delle forze dell'ordine statali e locali.

Leggi tutto
Prossimo articolo