E’ morto Liu Xiaobo, attivista politico e premio Nobel per la pace

2' di lettura

Aveva 61 anni, era malato da tempo. Vinse il premio nel 2010 per la sua non violenta battaglia per i diritti fondamentali in Cina. Era stato condannato a 11 anni di carcere. Comitato per il Nobel: responsabilità governo Pechino su morte. Lo riferisce Deutsche Welle

E’ morto a 61 anni l’attivista politico cinese Liu Xiaobo, vincitore nel 2010 del premio Nobel per la pace. Era malato da tempo.

Dissidente e attivista

Liu Xiaobo era un dissidente e attivista cinese: era tra i promotori della Charta 08, manifesto con cui i firmatari rivendicavano maggiori libertà democratiche in Cina. Per le sue battaglie politiche era stato arrestato nel 2009 e condannato a 11 anni di carcere. L’anno successivo era stato insignito del premio Nobel “per la sua lunga e non violenta battaglia per i diritti fondamentali in Cina”. Un premio che Pechino non aveva esitato a definire "un'oscenità".

Malato da tempo

Lo scorso 26 giugno Liu Xiaobo era stato scarcerato a causa del peggioramento delle sue condizioni di salute: da tempo era infatti ammalato di un tumore al fegato. Al momento del decesso si trovava ricoverato in un ospedale a Shenyang, nel nord est della Cina.

Comitato per il Nobel: Cina ha responsabilità pesanti

Il governo cinese ha una "responsabilità pesante" per la morte "prematura" del dissidente Liu Xiaobo. L'atto di accusa è arrivato dal comitato per il Premio Nobel. Lo riferisce la Deutsche Welle su Twitter

Leggi tutto
Prossimo articolo