Incendio Londra, identificato il cadavere di Gloria Trevisan

2' di lettura

La giovane padovana era morta il 14 giugno nel rogo della Grenfell Tower insieme al fidanzato Marco Gottardi. L’annuncio ufficiale è arrivato dal legale: “La famiglia ha avuto comunicazione dalla Farnesina, riserbo per aspettare il riconoscimento anche del compagno” 

"Ormai è ufficiale, il corpo di Gloria Trevisan è stato ritrovato". L’annuncio è arrivato dall’avvocato Maria Cristina Sandrin, legale della famiglia di Trevisan, la ragazza di Camposampiero (Padova) morta nell'incendio della Grenfell Tower a Londra il 14 giugno scorso. "La famiglia è stata contattata dalla Farnesina il 23 giugno per la comunicazione del riconoscimento del corpo, avvenuto tramite le impronte dentarie", ha spiegato il legale.

Riserbo per permettere riconoscimento del fidanzato

Gloria Trevisan viveva nella Grenfell Tower insieme al fidanzato Marco Gottardi. I due sono morti nell’incendio, come era stato confermato anche dai familiari. "Il riserbo dei parenti nella diffusione della notizia è stato dovuto al desiderio di aspettare che fosse ritrovato anche il corpo di Marco”, ha spiegato l’avvocato Sandrin, ma “purtroppo l'identificazione dei resti del giovane richiederà tempi diversi: per lui non è possibile fare ricorso alle impronte dentarie, ma si dovrà aspettare l'esame del Dna. Le famiglie stanno compiendo tutti gli sforzi in loro potere perché il loro desiderio era vederli rientrare in Italia insieme, ma più di questo non possono fare". Il corpo di Gloria, che è stato ritrovato all'interno dell'appartamento, si trova ancora a Londra, a disposizione delle autorità.

Il bilancio

L'incendio della Grenfell Tower, avvenuto il 14 giugno, ha distrutto il palazzo di 24 piani situato a North Kensington. L’ultima stima delle autorità ha fornito un bilancio di 79 morti e 70 feriti. La polizia londinese ha dichiarato che il bilancio definitivo delle vittime non sarà disponibile prima del 2018, perché ci sono molte difficoltà nell'identificazione dei cadaveri e non si è ancora certi di quante persone fossero presenti nell’edificio al momento dell’incendio.

Leggi tutto
Prossimo articolo