Pedofilia, Cardinale Pell incriminato per abusi sessuali in Australia

4' di lettura

Al prefetto degli Affari economici del Vaticano vengono contestati episodi degli anni '70 quando era sacerdote. Deve comparire il 18 luglio in tribunale. L'alto prelato: "Rifiuto totale delle accuse, vado a difendermi". Il Papa gli ha concesso un periodo di congedo

La polizia australiana ha notificato nella notte i provvedimenti di incriminazione nei confronti del cardinale George Pell, attualmente prefetto degli Affari economici del Vaticano. È accusato di aver commesso gravi reati sessuali su minori. I fatti contestati risalirebbero agli anni '70, quasi 50 anni fa, quando Pell era un semplice sacerdote a Ballarat, sua città natale. L' alto prelato è chiamato a comparire il 18 luglio davanti a un tribunale australiano. L'arcidiocesi di Sydney assicura che non mancherà all'appuntamento e lo stesso alto prelato ha dichiarato che andrà a difendersi.

Pell: rifiuto totale delle accuse, vado a difendermi

Il cardinale Pell ha dichiarato di "rifiutare in tutto le accuse" che gli vengono rivolte di abusi sessuali: "Sono false. Aborrisco la sola idea degli abusi sessuali”. Poi ha detto di voler tornare in Australia per difendersi e di avere più volte messo al corrente il Papa di questa situazione nei mesi scorsi, anche recentemente. "Queste questioni - ha detto il cardinale in una dichiarazione resa in inglese ai giornalisti in sala stampa vaticana - sono state oggetto di indagini ormai da quasi due anni. Sono state fatte filtrare notizie ai media, un accanimento senza tregua e per più di un mese dichiarazioni relative al fatto che la decisione sulle accuse sarebbe stata 'imminente'. Adesso sono contento che finalmente potrò difendermi nei tribunali".

Papa: periodo congedo a Pell per difendersi

Il Papa è stato "messo al corrente del provvedimento" a cui il cardinale Pell è sottoposto in Australia, "nel pieno rispetto delle leggi civili e riconoscendo l'importanza che il processo possa svolgersi in modo giusto", visto che il cardinale "è deciso fare ritorno nel suo paese per affrontar le accuse", gli ha "concesso un periodo di congedo per potersi difendere". La segreteria per l'economia continua i propri compiti istituzionali, restano in carica i segretari per affari ordinari".

Il portavoce del Vaticano: "Tornerà in Australia per difendersi"

Le dichiarazioni del portavoce vaticano

Il portavoce della Santa Sede Greg Burke ha confermato che Pell partirà per l'Australia, con il permesso del Papa, e ha informato che il porporato da oggi non parteciperà a impegni pubblici né rilascerà altre dichiarazioni. Burke ha aggiunto che il Papa "ha potuto apprezzare l'onestà del cardinale Pell negli anni del suo servizio in curia, gli è grato per la collaborazione, e in particolare per energico impegno per il rinnovo amministrativo”. Il portavoce ha ricordato che "da decenni" il cardinale "ha condannato gli abusi sui minori come atti intollerabili, ha cooperato con le autorità australiane, ha appoggiato la creazione di una pontificia commissione contro gli abusi" e come vescovo diocesano ha introdotto la procedura per fornire assistenza alle vittime degli abusi". 

A ottobre era stato interrogato a Roma

Lo scorso ottobre la polizia australiana era stata a Roma per interrogare Pell in seguito a denunce di molestie. Pell ha ripetutamente respinto le accuse. "Vorrei ribadire la mia innocenza", ha detto il mese scorso quando la polizia australiana ha comunicato che rischiava l'incriminazione.

++ Papa: periodo congedo a Pell per difendersi da accuse ++ 

CITTA' DEL VATICANO 

(ANSA) - CITTA' DEL VATICANO, 29 GIU - Il Papa è stato "messo al corrente del provvedimento" a cui il cardinale Pell è sottoposto in Australia, "nel pieno rispetto delle leggi civili e riconoscendo l'importanza che il processo possa svolgersi in modo giusto", visto che il cardinale "è deciso fare ritorno nel suo paese per affrontar le accuse", gli ha "concesso un periodo di congedo per potersi difendere". La segreteria per l'economia continua i propri compiti istituzionali, restano in carica i segretari per affari ordinari". (ANSA).

 

++ Papa: periodo congedo a Pell per difendersi da accuse ++ 

CITTA' DEL VATICANO 

(ANSA) - CITTA' DEL VATICANO, 29 GIU - Il Papa è stato "messo al corrente del provvedimento" a cui il cardinale Pell è sottoposto in Australia, "nel pieno rispetto delle leggi civili e riconoscendo l'importanza che il processo possa svolgersi in modo giusto", visto che il cardinale "è deciso fare ritorno nel suo paese per affrontar le accuse", gli ha "concesso un periodo di congedo per potersi difendere". La segreteria per l'economia continua i propri compiti istituzionali, restano in carica i segretari per affari ordinari". (ANSA).

 

Leggi tutto