Brexit, May apre ai cittadini Ue. Juncker: offerta "non sufficiente"

2' di lettura

Il presidente della Commissione europea gela il primo ministro britannico. Critiche anche dal sindaco di Londra Khan: "Inaccettabile usare persone che vivono qui e contrubuiscono alla nostra società come merce di scambio"

Juncker gela May. “La sua offerta è un primo passo, ma non è sufficiente”.  Parla così il presidente della Commissione europea entrando al vertice europeo. A dividere è ancora una volta il nodo Brexit e a nulla, al momento, sembra essere servita la rassicurazione del premier britannico rivolta ai comunitari presenti sul suolo inglese: “Nessun cittadino Ue dovrà lasciare il Regno Unito”.

May: mia offerta "molto seria"

La mia offerta, ha ribadito oggi, il premier britannico, è un'offerta "giusta e molto seria": Il governo, ha aggiunto, “presenterà più dettagli lunedì. Voglio rassicurare tutti i cittadini che vivono nel Regno Unito, che hanno una casa e si sono costruiti una vita, che non dovranno andarsene, che non vogliamo famiglie divise", ha detto May (LO SPECIALE BREXIT).

Con la sua proposta, il premier ha assicurato di voler dare "certezza sul futuro della loro vita". May ha chiesto reciprocità per i cittadini britannici che vivono nell'Ue. Quanto al fatto che l'offerta del Regno Unito non corrisponda appieno alla posizione negoziale dell'Ue a 27, May ha spiegato che la discussione sui dettagli "sarà parte del processo negoziale". 

Sindaco di Londra: "Inaccettabile usare cittadini Ue come merce di scambio"

Ma contro l'offerta della premier britannica si è scagliato anche il sindaco di Londra Sadiq Khan, secondo cui la proposta di May non "garantisce pienamente i diritti dei cittadini Ue che vivono nel Regno Unito". Secondo il primo cittadino della capitale inglese i tre milioni di europei presenti nel Paese, di cui un milione sono londinesi, hanno bisogno di "certezza per fare piani di lungo periodo per se stessi e le loro famiglie". "E' inaccettabile che il primo ministro tratti i cittadini europei che vivono qui e contribuiscono alla nostra economia e societa' come moneta di scambio". Khan ha ribadito che May dovrebbe "abbandonare il suo approccio estremo di 'hard Brexit'" per assicurarsi un accordo sulla Brexit "che protegga posti di lavoro, investimenti e prosperità".

Data ultima modifica 23 giugno 2017 ore 11:37

Leggi tutto