Usa, giovane musulmana uccisa all'uscita da una moschea in Virginia

Un momento di preghiera nelle stanze del All Dulles Area Muslim Society di Sterling, Virginia (Getty Images)
2' di lettura

Nabra Hassanen, 17 anni, sarebbe stata assalita con un bastone di metallo da quello che attualmente è l'unico sospettato dell'omicidio: il 22enne Darwin Martinez Torres. La polizia indaga sul movente di odio religioso

Potrebbe celarsi il movente dell'odio religioso dietro l'omicidio di Nabra Hassanen, la 17enne di Reston, Virginia, uccisa lo scorso 17 giugno nei pressi della All Dulles Area Muslim Society, il più importante centro di culto islamico della Virginia settentrionale.

Uccisa a colpi di bastone

L'aggressione si è verificata nella notte tra sabato e domenica scorsi, mentre la giovane percorreva una strada vicina al centro islamico con un gruppo di coetanei. I ragazzi arrivavano da una colazione, consumata dopo ore di preghiera al centro islamico in occasione del mese sacro del Ramadan. Sulla strada la tranquillità del gruppo è stata turbata, secondo le prime testimonianze, da un uomo in automobile che ha iniziato a inveire contro i ragazzi. Nella successiva fuga per nascondersi, quasi tutti i giovani presenti sono riusciti a trovare rifugio nella moschea . All'appello mancava proprio Nabra la cui scomparsa è stata denunciata immediatamente dopo i fatti dal personale del centro islamico alle autorità delle contee di Loudoun e Fairfax.

Un sospettato arrestato

Dopo un'ora di ricerche nella zona della scomparsa, gli agenti della polizia di Loudoun e Fairfax hanno ritrovato il corpo senza vita della giovane. Nel corso delle ispezioni, i poliziotti hanno notato un automobilista che si aggirava nella zona in modo sospetto: era il 22enne Darwin Martinez Torres di Sterling, immediatamente arrestato e accusato dell'omicidio di Nabra Hassanen. La polizia ha reso noto che contro l'uomo sono stati raccolti diversi elementi di prova che lo inchioderebbero al reato, ma al momento, secondo quanto riportato dal "Washington Post", non sono stati forniti ulteriori dettagli. In alcune battute rilasciate ai giornalisti, la madre della vittima ha svelato un particolare comunicatole dai detective incaricati del caso, quello secondo cui la figlia sarebbe stata colpita con un bastone di metallo. La polizia al momento sta sottoponendo il sospettato a interrogatorio e non esclude fra le possibili motivazioni del delitto anche quella dell'odio religioso. Ora gli inquirenti attendono ulteriori elementi dall'esame autoptico disposto dal giudice sul corpo della vittima: nel frattempo è stato creato un gruppo di supporto per la famiglia di Nabra che in poche ore ha raccolto donazioni per oltre 128mila dollari.

 

 

Leggi tutto