Attentato Londra, van su fedeli moschea. Scotland Yard: "Terrorismo"

2' di lettura

Nell'attacco è morta una persona, dieci sono rimaste ferite. Il portavoce della polizia ha confermato che il terrorista ha "agito da solo" e che "non c'era nessun altro nel furgone". Ai londinesi ha chiesto di "unirsi contro coloro che vogliono dividerci"

Quello di Finsbury Park è stato "un attacco terroristico": lo ha detto un portavoce di Scotland Yard, dando la conferma ufficiale che l'attacco nel quartiere londinese di Islington, nella notte, davanti a una moschea, è considerato ora un attentato. Una persona è morta e dieci sono rimaste ferite. "La lotta al terrorismo continua", ha aggiunto il portavoce, che ha chiesto alla popolazione londinese di collaborare qualora abbia informazioni. Il portavoce ha confermato che il terrorista ha "agito da solo", "non c'era nessun altro nel furgone", e ha chiesto ai "londinesi di unirsi contro coloro che vogliono dividerci".

Scotland Yard: Uniti contro l'estremismo

Un arresto per sospetto omicidio

"Abbiamo trattato fin dal primo minuto (l'accaduto) come un attentato", ha aggiunto il vice-commissario, Neil Basu, rispondendo a una domanda che faceva riferimento probabilmente alla reticenza del governo di Londra a classificare l'accaduto come un attacco terroristico. Basu ha aggiunto che l'uomo arrestato è stato fermato per sospetto omicidio; e ha aggiunto che la vittima è l'uomo che si è sentito male, a cui stavano prestando soccorso i fedeli appena usciti dalla moschea (ma è "ancora prematuro per dire se la sua morte sia frutto dell'attentato").


 

Leggi tutto