Cos’è la Grenfell Tower, il palazzo andato in fiamme a Londra

2' di lettura

Il grattacielo di 24 piani, bruciato nella notte a North Kensington, è stato costruito nel 1974. Ospita più di 500 residenti. Anche nel 2013 venne sfiorato un dramma a causa di tensioni provocate da un cablaggio difettoso

24 piani, 120 appartamenti, più di 500 residenti. La Grenfell Tower, il palazzo andato in fiamme a Londra, è un grattacielo residenziale che si trova nella zona ovest della capitale britannica, nell’area di North Kensington, ai margini di uno dei quartieri più ricchi della capitale. Il palazzo è collocato non lontano da Notting Hill e ha uno dei sui affacci su Latimer Road, di fronte all'omonima stazione della metropolitana. (FOTO)

Cos’è la Grenfell Tower

Grenfell Tower è stata costruita nel 1974. È un palazzo costruito secondo i canoni di edilizia popolare britannica tipica degli anni Sessanta e Settanta. Al suo interno vivono per lo più famiglie della working class che non si possono permettere gli affitti inarrivabili dei quartieri più a sud. Molti dei circa 500 inquilini sono stranieri e da tempo si erano susseguite proteste per le cattive condizioni di sicurezza della torre. Di recente era stato avviato un ampio progetto di restauro e risistemazione. E, fra le tante ipotesi, non si esclude che il disastro possa avere a che fare proprio con i lavori.

Dramma sfiorato nel 2013 a Grenfell Tower 

Un primo dramma venne sfiorato nel 2013 alla Grenfell Tower. (LE TESTIMONIANZE) Il Grenfell Action Group, il comitato di cittadini che l'anno scorso ha lanciato un allarme sulle carenze di sicurezza, sostiene che a causa di una sovratensione nel 2013 è stato evitato per un soffio "un incendio dalle conseguenze drammatiche", in un momento in cui "i residenti hanno vissuto un periodo terrificante di sovratensioni che in seguito si è capito erano provocate da cablaggi difettosi". (I SOCCORSI)

Leggi tutto