Germania, allerta terrorismo: 90mila persone evacuate da festival rock

3' di lettura

Lo spettacolo, a cui partecipavano decine di migliaia di persone, era in corso presso il circuito del Nurburgring. Gli organizzatori dell'evento hanno invitato i partecipanti a evacuare la zona con calma

Le persone erano decine di migliaia e potevano esserci pericolose scene di panico: ma le cose sono andate diversamente e i molti fan arrivati da tutto il mondo sul circuito di Formula Uno di Nuerburgring, a Nuerburg, nella Germania occidentale, per il Rock am Ring, sono defluite con calma e ordinatamente, malgrado lo spettacolo fosse stato interrotto dall'annuncio di una "minaccia di attentato terroristico".

 

L’uscita ordinata

Una calma documentata da foto e filmati che hanno fatto il giro del mondo sui media e sui social network, mantenuta malgrado in Europa i nervi siano a fil di pelle, con le urla e il panico dell'Arena di Manchester, dove sono rimaste in terra 22 ragazzi, che ancora pulsano nella memoria collettiva.

L’annuncio dello stop

I piatti forti della serata di concerti erano l'ex Oasis Liam Gallagher, i Bastille e la metal band tedesca Rammstein, che non erano ancora saliti sul palco. Prima che potessero farlo, i "Ringrockers", come si chiamano i fan che ogni anno seguono il grande festival tedesco, si sono sentiti dire dall'altoparlante di uscire dal terreno di Rock am Ring "in modo calmo e controllato". "A causa di una minaccia terroristica la polizia ci ha consigliato di interrompere il festival".

Minaccia concreta

"La sicurezza ha priorità assoluta, e per escludere per quanto possibile una minaccia per i visitatori è stato deciso di sospendere il festival, almeno per oggi", ha detto un portavoce della polizia citato dalla Bbc. Il portavoce ha detto che, dopo l'attentato di Manchester, la sicurezza era stata aumentata, e che al festival quest'anno si è deciso che fossero presenti 1.200 agenti. "Siccome la minaccia non poteva essere esclusa, si sono prese le misure necessarie, immediatamente", ha aggiunto. La minaccia, ha concluso la polizia, era "concreta".

In dubbio prosecuzione festival

Al momento non è stato ancora comunicato cosa abbia  provocato l'interruzione del festival. La polizia di Coblenza (nello stato tedesco del Renania-Palatinato) ha detto questa sera che alla base della clamorosa decisione "ci sono ragioni concrete legate a una possibile minaccia terroristica che non poteva essere esclusa". Non è certo che il festival possa riprendere sabato, come sperano gli organizzatori. La decisione verrà presa nelle prossime ore. Nel weekend, durante il quale dovevano suonare oltre ottanta band, era previsto il boom di presenze: attese quasi 100mila persone.

 

Data ultima modifica 03 giugno 2017 ore 07:40

Leggi tutto