Software per evitare controlli, negli Usa inchiesta penale su Uber

La sede di Uber - Foto: Getty
2' di lettura

Il dipartimento di Giustizia americano ha aperto un'indagine sull'azienda di trasporto, accusata di aver usato un programma segreto per individuare le chiamate degli agenti di polizia nelle città in cui il suo servizio è vietato

Il Dipartimento di Giustizia americano ha aperto un'inchiesta penale sul software utilizzato da Uber per evitare i controlli della polizia nei luoghi dove il suo servizio di trasporto alternativo al taxi è vietato o soggetto a restrizioni. Lo riporta il Guardian. Uber ha ammesso che il sistema, denominato 'Greyball' consente di individuare ed aggirare le chiamate di agenti delle forze dell'ordine alla ricerca di veicoli da multare. Era stato creato con l'obiettivo di respingere le richieste degli utenti che violavano i termini ma è stato sfruttato dagli autisti che per evitare i controlli. 

Tutte le controversie di Uber

Lo stratagemma era stato svelato dal New York Times che ha citato anche l'Italia tra i Paesi dove la società californiana è ricorsa a questo sistema, operativo del 2014. Uber ha proibito l'utilizzo di 'Greyball' dopo le rivelazioni del Nyt lo scorso marzo. L'inchiesta penale potrebbe pesare in maniera decisiva su Uber, già alle prese con l'opposizione del mondo dei taxi, la battaglia legale con Waymo (la divisione di Google per la guida autonoma) per la  per presunta sottrazione di documenti riservati, l'indagine interna dopo le accuse di molestie sessuali e il programma segreto 'Hell' (Inferno) per tracciare l'attività della concorrenza, il servizio Lyft.

Leggi tutto