Parata militare a Pyongyang, pronti a rispondere a Usa con nucleare

2' di lettura

Cresce la tensione tra la Corea del Nord e Washington. Nella capitale nordcoreana in scena la grande parata militare per la festa nazionale: sfilano anche prototipi di missili intercontinentali

“Risponderemo a una guerra totale con una guerra totale, e a una guerra nucleare con il nostro stile di un attacco nucleare": Choe Ryong-hae, secondo alcuni analisti il secondo più potente ufficiale della Corea del Nord, ha detto che il Paese è pronto ad affrontare qualsiasi minaccia posta dagli Stati Uniti.

Grande parata militare

Parlando in occasione della grande parata militare in corso a Pyongyang per festeggiare il 105mo anniversario della nascita del padre della patria Kim Il-sung, Choe ha criticato il nuovo governo degli Usa sotto il presidente Donald Trump per "la creazione di una situazione di guerra" nella penisola coreana con l'invio di mezzi militari strategici nella regione. Presente alla parata anche Kim Jong-un, che però non ha parlato prima che la tv di Stato nordcoreana interrompesse le trasmissioni in diretta dalla piazza. Kim, leader 30enne salito al potere alla fine del 2011, ha sempre enfatizzato come le armi nucleari siano il fondamento della sua strategia di difesa nazionale.

"Missili in grado di colpire gli Stati Uniti"

Secondo gli analisti militari tali missili potrebbero un giorno essere in grado di colpire bersagli fino agli Stati Uniti continentali, anche se la Corea del Nord non li ha ancora testati. I soldati nordcoreani hanno portato in parata anche un altro grande razzo mai visto prima, delle dimensioni di uno a lunga gittata. Nel corteo sfilano poi carri armati, lanciarazzi multipli, pezzi d'artiglieria e un missile a combustibile solido progettato per essere sparato da sottomarini. Presente anche il potente missile a medio raggio 'Musudan', che potenzialmente potrebbe raggiungere le basi aeree statunitensi a Guam. La tv di Stato ha mostrato il leader Kim Jong-un, in abito nero e camicia bianca, uscire da una limousine nera e salutare la sua guardia d'onore prima di avviarsi lungo un tappeto rosso verso il podio da cui ha assistito alla parata insieme ai funzionari governativi di alto livello.

Trump: "La Corea del Nord cerca guai"

Con la tensione altissima tra gli Stati Uniti e la Corea del Nord e l'incognita sui prossimi passi del presidente Donald Trump sulla minaccia di un nuovo test nucleare nordcoreano, nell'area arriva il vicepresidente Mike Pence. Da domani il vice di Trump sarà prima in Corea del Sud e poi in Giappone. Il presidente resterà invece in Florida e passerà la Pasqua nel suo resort a Mar-a-Lago. 

 


 

Leggi tutto