Siria, Corea del Nord: "Attacco Usa inaccettabile, giustifica atomica"

1' di lettura

Prima reazione ufficiale di Pyongyang all'attacco deciso da Trump ed eseguito contro una base aerea siriana: "La mossa è una chiara invasione"

 

La Corea del Nord condanna come "assolutamente inaccettabile" l'attacco missilistico Usa alla Siria: in una nota del ministero degli Esteri, rilanciata dalla agenzia ufficiale Kcna, si definisce la mossa come una "chiara invasione" e una conferma alla "validità" della decisione di Pyongyang di dotarsi, sviluppare e rafforzare i suoi armamenti nucleari. L'amministrazione di Donald Trump "non è diversa" da quelle precedenti, è la conclusione.

 

Cina e Corea storici alleati- Il comunicato è la prima reazione ufficiale di Pyongyang all'attacco deciso da Trump ed eseguito contro una base aerea siriana quando il tycoon era impegnato nel primo summit col presidente cinese Xi Jinping, a Mar-a-Lago, in Florida. Tra i temi principali in agenda del vertice c'era anche quello su nucleare e missili della Corea del Nord, di cui Pechino resta, malgrado l'irritazione per la continua imprevedibilità dei comportamenti, il suo alleato storico.

 

Gli esperti: "Attacco Usa è potenziale monito" - Agli osservatori è apparso che l'attacco alla Siria, per la sua tempistica, possa essere letto come un monito rivolto a Cina (per la "debole" persuasione) e a Corea del Nord di fronte a un regime che non vuole recedere dalle sue ambizioni atomiche. Trump ha ventilato l'ipotesi che gli Usa possano adottare atti unilaterali contro il Nord qualora la Cina non eserciti tutta la pressione possibile.

 

 

Leggi tutto