Attentato Londra, Papa Francesco incontrerà quattro imam inglesi

(Foto d'archivio)
1' di lettura

Il Pontefice riceverà i leader musulmani il 5 aprile in udienza privata. Saranno accompagnati dall’arcivescovo di Westminster Vincent Nichols, che a proposito dell’attacco del 22 marzo nella capitale inglese ha detto: “È un dovere per i capi religiosi affrontare la questione del credo che sfocia in estremismo e violenza”

La prossima settimana Papa Francesco riceverà in udienza privata quattro imam inglesi. L’annuncio, che segue l’attentato terroristico di Londra del 22 marzo, è stato dato dall’arcivescovo di Westminster Vincent Nichols: “I leader religiosi vogliono e sono impegnati nel costruire rapporti".

 

“L’attentato va guardato nella sua realtà” - L’incontro sarà mercoledì 5 aprile: “Porterò quattro leader musulmani di Inghilterra da papa Francesco - ha detto il cardinale britannico - per dire che i leader religiosi vogliono e sono impegnati nel costruire rapporti". Secondo l’arcivescovo, l’attacco a Westminster “va guardato e interpretato nella sua realtà”, perché “è chiaro che ciò che è avvenuto non ha nulla a che vedere con i confini. L'attentatore era un uomo nato in Inghilterra, cresciuto in Inghilterra. Ha trascorso un breve periodo in Arabia ed è diventato musulmano. Ma bisogna anche dire che era un uomo con una lunga storia di violenza. È stato 5 e 6 volte in prigione, e chi lo ha conosciuto parla di un uomo molto arrabbiato”.

 

“Non isolatevi” - Per l’arcivescovo Nichols, la cosa importante è impedire alle comunità di isolarsi e fare attenzione a “relegare la fede in una sfera privata”: “Il dialogo tra persone che credono in Dio, crea uno spazio comune. Ed è da questo punto di vista un dovere per i leader religiosi parlarsi, incontrarsi, esplorare insieme soluzioni comuni, affrontare la questione del credo religioso che sfocia in estremismo e violenza”.

Leggi tutto