United Airlines nega imbarco a ragazze in leggings, polemiche in Rete

Un velivolo dell'United Airlines (foto d'archivio, getty images)
1' di lettura

A denunciare l'episodio l'attivista Shannon Watts, testimone oculare di quanto accaduto all'aeroporto di Denver, prima di un volo per Minneapolis. La compagnia: "Non rispettavano il dress code previsto"

Pioggia di reazioni sul web per la decisione della United Airlines di negare l'imbarco ad alcune ragazze che indossavano i leggings, violando così il dress code della compagnia. La vicenda è stata denunciata su Twitter dall'attivista Shannon Watts, testimone oculare di quanto accaduto all'aeroporto di Denver, prima di un volo per Minneapolis. Watts, nei suoi tweet, ricostruisce l'episodio e si domanda da quando la United Airlines regolamenti come le donne debbano vestirsi. 

 

 

 

Il #leggingsgate - Come racconta Watts, due adolescenti, per via del loro abbigliamento, sono rimaste a terra, mentre una bambina di circa di 10 anni è stata fatta salire a bordo dopo che la madre le ha cambiato l'indumento 'incriminato'. "Ma il padre aveva gli short che non arrivavano al ginocchio e non c'è stato alcun problema", ha sottolineato l'attivista. In rete si è scatenata una pioggia di reazioni sdegnate contro una politica definita sessista, con vari appelli a boicottare la compagnia aerea e tweet in cui si chiedono chiarimenti alla United.

 

United: "Dress code inappropriato per il tipo di biglietti" - Da parte sua United Airlines ha difeso la decisione attraverso il suo account Twitter, prima affermando di avere il diritto di rifiutare l'imbarco a passeggeri che non sono vestiti in modo appropriato in base al suo contratto di trasporto, poi precisando che le passeggere in questione erano 'United pass riders', ossia in possesso di biglietti concessi a parenti stretti di dipendenti della compagnia. Per questo, non rispettavano il dress code per tali benefit, in quanto, con quel tipo di biglietti, si rappresenta in volo la compagnia stessa.

 

 

Il tweet di Patricia Arquette - L'account della United ha continuato a rispondere a tutti coloro che chiedevano spiegazioni sulla vicenda, compresa l'attrice premio Oscar Patricia Arquette, che dopo un tweet critico viene ringraziata per "il sincero feedback". 

 

Leggi tutto