Nuova Zelanda, italiano ucciso durante una rapina

Foto dall'account Twitter del quotidiano Nzherald
1' di lettura

L’aggressione sarebbe avvenuta in un parcheggio di Christchurch. Nonostante un intervento chirurgico, l’uomo, di 65 anni e originario di La Spezia, è morto. La polizia ha fermato tre persone per l’omicidio, una delle quali avrebbe 16 anni

Un italiano di 65 anni, Pierclaudio Raviola, originario di La Spezia, è stato ucciso in Nuova Zelanda, dove è stato aggredito per una rapina in un parcheggio di Christchurch. La polizia neozelandese ha arrestato tre persone, tra le quali ci sarebbe anche un ragazzo di 16 anni. L’episodio risale al 23 marzo, come riporta il sito del quotidiano Nzherald. E, sempre secondo i media neozelandesi, i sospettati sarebbero comparsi oggi in tribunale.

 

L'aggressione e l'intervento in ospedale - L’aggressione si sarebbe svolta in un parcheggio di Christchurch e la vittima sarebbe stata trovata da un poliziotto in gravi condizioni, con profonde ferite alla testa. L’italiano sarebbe quindi stato portato all’ospedale dove avrebbe subito un’operazione e poi sarebbe stato tenuto in coma farmacologico. Ma nonostante l’intervento dei medici, l’uomo non ce l’ha fatta. 

 

Da molti anni in Nuova Zelanda - Raviola si era trasferito da molti anni in Nuova Zelanda. L'ambasciata italiana a Wellington, intanto, sta fornendo ogni possibile assistenza alla famiglia, in collaborazione con la Farnesina. 

Leggi tutto