Penguin paga 65 mln e si aggiudica diritti per le memorie degli Obama

1' di lettura

I due volumi, che saranno scritti separatamente, sono stati contesi da colossi editoriali come HarperCollins e Simon & Schuster. I libri saranno incentrati sugli anni alla Casa Bianca

Con la cifra record di oltre 65 milioni di dollari la Penguin Random House si è aggiudicata i diritti globali dei libri di memorie di Michelle e Barack Obama. I due volumi, che saranno scritti separatamente, sono stati contesi da colossi editoriali come HarperCollins e Simon & Schuster che, chiamati a commentare l'asta dal "Financial Times", hanno confermato che la cifra da capogiro offerta dal vincitore, supera i 60 milioni di dollari. Nessun dato invece sui diritti d'autore accordati alla ex coppia presidenziale, che non ha commentato la chiusura dell'accordo.

 

L'asta record - Markus Dohle, direttore esecutivo della Penguin Random House, ha dichiarato al "Financial Times": "Siamo molto eccitati all'idea di continuare la nostra collaborazione con il Presidente e la signora Obama. Con le loro parole e la loro leadership hanno cambiato il mondo". Penguin Random House ha di fatto pubblicato anche i tre libri precedenti scritti da Barack Obama. Durante l'asta, nonostante sia stato chiarito che le memorie degli Obama convergeranno in due volumi diversi, i diritti sono stati venduti congiuntamente. A raccogliere le offerte, Robert Barnett, l'agente letterario di Barack Obama.

 

Tutte le memorie dei presidenti - Questo accordo oscura i precedenti fatti dall'editoria americana con gli altri ex presidenti. Ad esempio Knopf, una divisione della Penguin Random House, pagò 15 milioni di dollari per i diritti delle memorie di Bill Clinton, "My Life", scritte nel 2004, dopo la sua uscita dalla Casa Bianca. Quelle di George W. Bush furono stimate 10 milioni di dollari. Il libro, "Decision Points", fu pubblicato da Crown. Proprio grazie a Barnett molti politici sono riusciti a strappare accordi milionari per la pubblicazione dei propri libri. Ne è un esempio l'affare concluso per Tony Blair con la Penguin Random House, che ha pagato 4,5 milioni di sterline per le memorie dell'ex Primo ministro del Regno Unito, dimessosi nel 2007.

 

Basso profilo - Da quando hanno lasciato la Casa Bianca, gli Obama hanno mantenuto un basso profilo. Si sono dedicati al relax, come dimostrano le foto della vacanza a Palm Springs in compagnia di Richard Branson. Pensando al futuro, gli Obama hanno deciso di sondare il mondo dell'editoria. Del resto Barack Obama non è nuovo ai successi editoriali. Prima di diventare presidente ha scritto il best-seller "Dreams From My Father" (pubblicato in Italia da Nutrimenti) e "The Audacity of Hope" (pubblicato in Italia da Rizzoli). Ha anche pubblicato un libro per bambini "Of Thee I Sing: A Letter to My Daughters". Le vendite di quest'ultimo libro unite a quelle di "The Audacity of Hope,  secondo quanto riporta "Forbes".gli hanno fruttato solo di diritti d'autore 8,8 milioni di dollari. Per le memorie "Dreams form my father" ha guadagnato altri 6,8 milioni di dollari. In Italia, dopo la fine del suo secondo mandato, Rizzoli ha tradotto e pubblicato “Il futuro è un posto migliore” (leggi qui l'estratto).

Leggi tutto