Russia, copia del Reichstag in un parco a tema

Un fotomontaggio in cui si vede il Reichstag di Berlino ai giorni nostri e durante l'assedio della città nel 1945 (Getty Images)
1' di lettura

Il ministro della Difesa Serghiei Shoigu ha annunciato che il palazzo verrà ricostruito nel Patriot Park, per celebrare il ruolo di Mosca nella vittoria sui nazisti, e sarà messo a disposizione degli “assalti” dei bambini 

Nel Patriot park di Kubinka, una cittadina a una settantina di chilometri da Mosca in Russia, verrà costruita una copia del Reichstag di Berlino. Il palazzo, che oggi ospita il Parlamento tedesco, è stato uno degli obiettivi principali dell’Armata rossa durante la Seconda guerra mondiale al momento del suo ingresso nella città tedesca: la Battaglia di Berlino durò dal 16 aprile al 2 maggio 1945, con la bandiera rossa che alla fine sventolò sopra uno dei palazzi-simbolo della capitale hitleriana. La ricostruzione russa ha l'obiettivo dichiarato di esaltare il sentimento patriottico delle nuove generazioni. I bambini russi che faranno visita al parco al tema, infatti, potranno “assaltare” il luogo simbolo della caduta del nazismo. L’iniziativa è stata annunciata dal ministro della Difesa, Serghiei Shoigu, in un intervento alla Duma, il parlamento russo.

 

Esercitazioni realistiche – La costruzione del Reichstag è già cominciata e servirà per celebrare il ruolo di Mosca nella vittoria sui nazisti ma anche per fornire un luogo adatto per le esercitazioni delle nuove leve. Shoigu, infatti, ha spiegato che la riproduzione del palazzo berlinese sarà messa a disposizione degli “assalti dei giovani della IunArmia”, un'organizzazione militare-patriottica russa per giovanissimi e adolescenti, fondata proprio dal ministro della Difesa e che costituisce una sorta di “esercito dei più piccoli”.  Strutturato a grandi linee come “i pionieri” e “il Komsomol” di sovietica memoria, recluta ragazzi di età compresa fra i 14 e i 18 anni, ma accetta adesioni anche a partire dai dieci anni. Per queste iniziative Shoigu è stato accusato di portare avanti una campagna di militarizzazione della società, tesi che il ministro ha sempre smentito categoricamente. 

 

Il Patriot park – All’interno del Patriot park, conosciuto anche come “la Disneyland militare”, verrà costruito anche un villaggio partigiano di dimensioni reali, e una linea di trincea con rifugi e barricate, in modo che, come ha spiegato il ministro nel suo intervento, le persone possano sentire l'atmosfera della vita in quelle condizioni. Il parco, che è stato inaugurato da Vladimir Putin nel 2015, ospita anche il Museo dei mezzi corazzati, uno dei più importanti al mondo, in cui sono conservati numerosi carri armati delle due guerre mondiali e del Dopoguerra. Le iniziative annunciate dal ministro della Difesa non si esauriscono a Kubinka: "Quest'anno – ha aggiunto Shoigu – sarà prevista anche la possibilità di passare una giornata in un sottomarino, sperimentando tutto ciò che vi accade: dalla lotta per la sopravvivenza, fino alla pasta 'po-flotsky'”, il tipico piatto dei marinai russi.

 

 

 

 

 

 

 

L'incendio del 1933 e la Battaglia di Berlino – Il palazzo del Reichstag di Berlino è attualmente la sede del Parlamento tedesco, il Bundestag. Inaugurato nel 1894, era stato costruito per ospitare i parlamentari del Reich, funzione che si esaurì negli anni del Nazismo (1933-1945). Il 27 febbraio 1933, poco prima dell'avvento di Hitler, l'edificio venne dato alle fiamme, probabilmente dai nazisti, che però incolparono i comunisti per trarne vantaggi elettorali. Restaurato dopo l'unificazione delle due Germanie, è tornato ad ospitare il Parlamento solo nel 1999. Oltre ai danni dell'incendio, l'edificio porta ancora le cicatrici della Seconda guerra mondiale, quando fu danneggiato pesantemente dai bombardamenti e divenne uno degli obiettivi principali dell’Armata rossa, che vi entrò il 30 aprile del 1945. Qualche giorno più tardi, sul palazzo, venne scattata una delle foto più famose della Seconda guerra mondiale: quella che ritrae il soldato dell'Armata rossa Abdulkhakim Ismailov mentre issa la bandiera rossa dell'Unione Sovietica su una delle due torri del Reichstag. 

Leggi tutto