Turchia: tempesta di neve, quasi 500 voli cancellati a Istanbul

L'aeroporto Atatürk di Istanbul sotto la neve, in una foto d'archivio (Getty Images)
1' di lettura

Forti disagi sono previsti soprattutto nel principale scalo cittadino, Ataturk. Si prevede brutto tempo fino a sabato

A causa del maltempo previsto su gran parte della Turchia, è stata annullata la partenza di 463 voli fra giovedì e venerdì dagli aeroporti di Istanbul, l'Atatürk e il Sabiha Gökçen. Lo hanno comunicato sui rispettivi siti internet diverse compagnie aeree, fra cui Tukish Airlines (327 voli cancellati), Pegasus Airlines, principale vettore privato del Paese (110 cancellazioni), Altlas Global (20) e Onur Air (6).

 

Maltempo e neve – Le giornate di giovedì e venerdì saranno caratterizzate da pesanti nevicate sulla maggioranza del territorio turco: secondo quanto riporta il General Directorate Of State Airports Authority (Dhmi), le temperature alle 11:30 di giovedì a Istanbul sono vicine allo zero. Si prevede neve sulla città anche tra venerdì e sabato, con temperature comprese fra i -2 e i 3 gradi centigradi. Sul profilo Facebook dello stesso Dhmi è possibile osservare le foto dell'aeroporto Atatürk nella giornata di mercoledì, con decine di mezzi pronti per fronteggiare l'imminente nevicata e l'impiego straordinario di 90 addetti.

 

Disagi per i voli – I passeggeri in partenza nelle giornate di giovedì e venerdì sono stati invitati a controllare il proprio volo prima di dirigersi in aeroporto. Per quanto riguarda la compagnia di bandiera turca, Turkish Airlines, è stato comunicato ai passeggeri il cui volo è stato cancellato che sarà possibile cambiare il biglietto senza costi aggiuntivi entro un anno dalla data di partenza.

 

La seconda tormenta di gennaio – Non è la prima volta che la neve si abbatte su Istanbul nel 2017, provocando parecchi disagi ai viaggiatori: una situazione simile si era verificata il 9 gennaio: l'aeroporto Atatürk era rimasto paralizzato per giorni, bloccando sul territorio turco anche centinaia di passeggeri italiani.

Leggi tutto