Trump firma l'ordine per il muro col Messico: "Grande giornata"

1' di lettura

Verranno bloccati i profughi dei Paesi esposti al terrorismo. Intanto sembra essersi fermato il trasferimento dell'ambasciata americana da Tel Aviv a Gerusalemme. Polemiche sul decreto che riguarda le ong che si occupano di aborto

Il presidente Donald Trump ha firmato, come preannunciato, due ordini esecutivi: uno sul finanziamento del muro al confine con il Messico e l'altro su misure più stringenti per gli immigrati clandestini. La cerimonia di firma è avvenuta al dipartimento per la Sicurezza Nazionale. "Grande giorno per la sicurezza nazionale. Tra le tante cose, costruiremo il muro!", aveva anticipato Trump su Twitter.

 

 

 

Chiusura per i rifugiati - L'ordine esecutivo sul muro dà il via alla costruzione "di una grande barriera fisica lungo la frontiera meridionale", ha osservato il portavoce della Casa Bianca, Sean Spicer, durante il briefing con la stampa. "La costruzione di questa barriera non è solo una promessa elettorale - ha aggiunto - è un primo passo di buonsenso per rendere più sicuro il nostro permeabile confine. Ciò fermerà il traffico di droga, il crimine e l'immigrazione clandestina negli Stati Uniti".

 

La legge sui fondi alle Ong dell’aborto - La notizia arriva dopo la decisione di fermare il trasferimento dell’ambasciata americana da Tel Aviv a Gerusalemme e dopo le polemiche nate per il ripristino del divieto di erogare fondi del governo americano per sovvenzionare ong internazionali che praticano o forniscono informazioni sull'aborto (il bando era stato tolto dall'ex presidente Barack Obama nel 2009, all'indomani del suo insediamento).

"Ecco il presidente Trump che firma un ordine esecutivo che mette in pericolo milioni di donne nel mondo, non manca qualcosa?", scrive la First Lady di New York Chirlane McCray riferendosi all'assenza di donne nell’immagine. "In tutta la vita - dice un altro tweet - non vedrete mai una foto con sette donne che firmano una legge su ciò che possono fare gli uomini con i loro organi riproduttivi".

 

 

Here's President Trump signing an executive order that endangers millions of women around the world. Notice anyone missing? pic.twitter.com/aPA84530m5

— Chirlane McCray (@NYCFirstLady) January 23, 2017

 

 

 

 

Data ultima modifica 25 gennaio 2017 ore 20:52

Leggi tutto