Reddito medio degli italiani è di 20.690 euro, 12 mln non pagano Irpef

1' di lettura

Dai dati del Tesoro sulle dichiarazioni del 2015 emerge che il 94% dei contribuenti incassa meno di 50mila euro. Il valore medio sale tra chi ha un impiego a tempo indeterminato (23.068), mentre chi ha contratti a termine si aggira intorno ai 9.663 euro

Il reddito medio degli italiani è di 20.690 euro ma poco meno della metà dei contribuenti (il 45%) dichiara al fisco e paga tasse su un reddito più basso, di 15mila euro.

La Regione con il reddito medio complessivo più elevato è la Lombardia (24.520 euro), quello più basso e della Calabria (14.780 euro). Lo comunica il ministero dell’Economia e delle Finanze con i dati sulle dichiarazioni dei redditi del 2015, dai quali emerge anche che il 94% dei contribuenti dichiara meno di 50mila euro e che circa due milioni di italiani hanno restituito il bonus degli 80 euro.

 

Irpef e bonus 80 euro - Sono circa 10 milioni i soggetti che hanno un'imposta netta pari a zero. Se si considerano quelli la cui imposta netta è interamente compensata dal bonus mensile di 80 euro, coloro che di fatto non versano l'Irpef salgono a circa 12,2 milioni.

Non tutti quelli che hanno ricevuto gli 80 euro, però, ne hanno potuto beneficiare: tra gli 11,9 milioni di soggetti che avevano ottenuto il bonus, circa 966.000 lo hanno dovuto restituire integralmente in sede di dichiarazione, mentre 765.000 soggetti hanno dovuto restituirne solo una parte.

 

I Paperoni sono lo 0,1% - Secondo i dati del Mef, "il 45% dei contribuenti si colloca nella classe fino a 15.000 euro, il 49% in quella tra i 15.000 e i 50.000, mentre solo il 5,2% dichiara più di 50.000 euro, versando il 38% dell'Irpef totale".

Sono 34mila, lo 0,1%, le persone che dichiarano più di 300mila euro. Rispetto all’anno precedente è aumentato sia il numero dei soggetti che dichiarano più di 50.000 euro (+65.000) sia l'ammontare dell'Irpef dichiarata (+1,9 miliardi).

 

Un reddito medio di 20mila euro - Rispetto al valore medio del reddito complessivo, 20.690 euro, il reddito medio da pensione (pari a 16.870 euro) è inferiore del 18,5% rispetto al 2014 mentre quello da lavoro dipendente (pari a 20.660 euro) è in linea. Analizzando i lavoratori dipendenti in base al tipo di contratto di lavoro emerge che, se si considerano soltanto le persone con contratto a tempo indeterminato, il valore medio è pari a 23.068 euro (-1,3% rispetto all'anno precedente), mentre coloro che hanno esclusivamente contratti a tempo determinato hanno un reddito medio di 9.633 euro (-1,8% rispetto all'anno precedente).

Il reddito medio d'impresa è pari a 19.990 euro, 3,4% in meno rispetto al reddito complessivo medio, mentre quello da lavoro autonomo (38.290 euro) è quasi il doppio.

 

I numeri delle Regioni - L'analisi territoriale delle dichiarazioni Irpef per il 2015 mostra che la regione con reddito medio complessivo più elevato è la Lombardia (24.520 euro), seguita dalla provincia di Bolzano (22.860 euro), mentre la Calabria ha il reddito medio più basso (14.780 euro). Secondo il Mef "rimane notevole la distanza tra il reddito medio delle regioni centro-settentrionali e quello delle regioni meridionali".

Leggi tutto