Clochard carbonizzato a Verona, i due minori indagati: era uno scherzo

Inizialmente i carabinieri avevano pensato che il rogo fosse da ricondurre ad una causa accidentale (Fotogramma)
1' di lettura

I ragazzi sono indagati per il rogo avvenuto lo scorso dicembre a Zevio, nel Veronese, in cui è morto un uomo di 64 anni. Avrebbero appiccato l’incendio per gioco

Rimase carbonizzato nell'incendio dell'auto che, da tempo, era diventata la sua casa. Ora, per la morte di un clochard 64enne avvenuta lo scorso dicembre in provincia di Verona, sono indagati due minorenni. La notizia è stata confermata da fonti investigative. "Era uno scherzo, non l'abbiamo fatto apposta", si sarebbero giustificati i due ragazzi, secondo quanto riporta l'edizione di Verona de "Il Corriere del Veneto".

Il rogo costato la vita al senzatetto

Il fatto risale al 19 dicembre a Zevio (nella frazione Santa Maria), piccolo comune della provincia veronese. L’uomo, un senzatetto, era rimasto intrappolato nell'auto in cui dormiva avvolta dalle fiamme. L’incendio non gli aveva dato scampo. Inizialmente, gli inquirenti avevano pensato che il rogo fosse da ricondurre ad una causa accidentale. Sospettavano, in particolare, che una sigaretta fosse caduta, ancora accesa, all'interno dell’abitacolo. Dopo accertamenti più approfonditi, però, le indagini hanno preso un'altra direzione. Sotto la lente dei carabinieri è finita la posizione di due minorenni. Il sospetto è che abbiano dato alle fiamme la vettura del senzatetto per un terribile gioco. A indirizzare le indagini verso i due giovani, di origini straniere, sarebbero state anche le immagini delle telecamere di sicurezza. 

Leggi tutto
Prossimo articolo