Turista finlandese stuprata e rapinata a Roma, arrestato un 22enne

2' di lettura

La ragazza, arrivata in Italia da pochi giorni, sarebbe stata picchiata, violentata e derubata nella notte tra venerdì e sabato. Un giovane originario del Bangladesh, in possesso di un permesso di soggiorno per motivi umanitari, è accusato di essere il responsabile

Una ragazza finlandese ha denunciato di essere stata picchiata, stuprata e rapinata a Roma. L’aggressione è avvenuta nella notte tra venerdì e sabato scorsi nel centro della Capitale. Un 22enne bengalese è stato arrestato sabato dagli agenti della Polizia di Stato, con l’accusa di essere il responsabile. 

La ricostruzione

La giovane, giunta in Italia da qualche giorno per fare la babysitter, venerdì sera dopo avere passato la serata con le amiche in un locale in zona Termini, ha cercato un taxi. Il bengalese l'avrebbe avvicinata offrendosi di accompagnarla con la propria auto sostenendo fosse parcheggiata non lontano. Ma dopo un centinaio di metri avrebbe tentato un approccio sessuale con la donna continuando anche dopo il suo rifiuto. Poi l’avrebbe minacciata di morte, picchiata con una pietra, trascinata in una zona buia e infine stuprata. In seguito avrebbe rubato alla vittima 40 euro prima di fuggire.

Il presunto aggressore

Le indagini hanno permesso di identificare il presunto autore delle violenze, un bengalese riconosciuto dalla vittima anche in foto. L'uomo è stato bloccato sabato nei pressi di Piazza Fiume. Sarebbe in possesso di un regolare permesso di soggiorno per motivi umanitari e avrebbe svolto diversi lavori nella Capitale.

Allarme da donna affacciata a finestra 

A dare l'allarme e a chiamare la polizia sul luogo della violenza è stata una donna che ha visto dalla finestra della sua abitazione l'aggressione e lo stupro ai danni della turista finlandese. La donna ha sentito le urla della ragazza e nel tentativo di far desistere l'uomo ha iniziato a gridare. Questo non ha fermato lo stupratore ma ha permesso di far partire tempestivamente le indagini.

Leggi tutto
Prossimo articolo