Milano, fuga di monossido di carbonio in hotel: 15 persone ricoverate

A confermare che si trattava di monossido sono stati i vigli del fuoco (foto d'archivio)
2' di lettura

L'albergo, vicino alla Stazione Centrale, è stato evacuato. Circa 140 gli ospiti, tra quelli colti da malore una ragazzina francese grazie alla quale è scattato l'allarme

Il monossido di carbonio è all'origine del malore che la mattina di mercoledì 9 agosto a Milano ha colto una trentina di persone, 15 delle quali sono state portate in ospedale. La fuga di gas si è verificata in un albergo poco distante dalla Stazione Centrale.

L'albergo evacuato

Si tratta di un albergo in via Fabio Filzi, che è stato evacuato proprio a causa della fuga di monossido di carbonio. A far scattare l'allarme il personale del 118, che era stato chiamato poco prima delle 9 perché una ragazzina francese di 10 anni, in vacanza a Milano con la famiglia, si era sentita male. La conferma che si trattava di monossido è arrivata dai vigili del fuoco, arrivati in seguito sul posto e autori di questo tweet.

Quindici persone ricoverate

La ragazzina è stata trasportata all'ospedale Niguarda in codice giallo insieme ai genitori. Come scrive l'Ansa, erano circa 140 le persone ospitate nell'albergo, molte delle quali già uscite a quell'ora. Una trentina sono state visitate dal 118 intervenuto con sei ambulanze, un'automedica, un'autoinfermieristica e un mezzo di coordinamento e una quindicina di queste – come si legge in un comunicato dell'Areu, l'Agenzia regionale emergenza urgenza – sono state portate in ospedale. Gli altri ospiti dell'hotel non presenti sono stati contattati dalla struttura.

La causa della fuga di gas

Numerosi anche i mezzi dei pompieri e della polizia locale, che ha chiuso la strada nei pressi della Stazione Centrale permettendo il passaggio solo ai mezzi pubblici. A causare la fuoriuscita di monossido potrebbe essere stata la rottura di un tubo, dopo la quale il gas sarebbe entrato in circolo nell'impianto di areazione.

Leggi tutto
Prossimo articolo