Codice ong, Msf: ora ci coinvolgono meno nei soccorsi

3' di lettura

“Lavoreremo meno, ma siamo sempre a disposizione” dice Medici senza Frontiere. Nella notte del 5 agosto una nave non è potuta entrare nel porto di Lampedusa con i migranti, ma è stata raggiunta a 33 miglia dalla costa dalla Guardia costiera per il trasbordo

"Noi continuiamo a lavorare, a stare in mare per salvare persone. Continuiamo a collaborare con la Guardia Costiera, come abbiamo sempre fatto. Se ci sono nuove modalità operative, ci adatteremo. Per noi va bene così”. Per Medici senza frontiere (Msf) non ci sono novità, né cambi di posizione, dopo l'entrata in vigore del codice di regolamentazione delle ong per le operazioni di soccorso di migranti voluto dal Viminale. Un codice che però non ha ricevuto il suo assenso, che non ha sottoscritto, e che al momento registra delle ricadute: "Non siamo più i primi ad essere chiamati per i soccorsi, come accadeva prima. Sappiamo - precisa Michele Trainiti, capo progetto Sar della ong - che lavoreremo di meno ma siamo sempre a disposizione della Guardia Costiera. Noi ci siamo e siamo disponibili a collaborare".

Msf: lavoriamo nel rispetto delle leggi

"La nostra posizione non cambia - ribadisce ancora l'operatore umanitario - stiamo lavorando come sempre nel rispetto delle leggi. Ci adattiamo alla Guardia costiera, facciamo quello che ci chiede. Questo non vuol dire aggirare il codice, né vogliamo polemiche. Come al solito lavoriamo nel rispetto delle leggi internazionali, della leggi del mare, delle leggi italiane". Del resto, "è sempre la Guardia Costiera che dà indicazioni sui soccorsi, che coordina le operazioni. Abbiamo sempre collaborato e continueremo a farlo. Siamo in mare per salvare vite umane e lo faremo finché ce lo permetteranno. Ciò che vogliamo è lavorare in tranquillità”.

 

Libici bloccano migranti

Riferendosi all'operazione del 5 agosto, quando 127 migranti a bordo della Vos Prudence di Msf sono stati trasferiti su due motovedette della Guardia Costiera in acque internazionali, Trainiti sottolinea: "L'operazione si è svolta in modo tranquillo e del tutto regolare. Non è inusuale una procedura come quella. Forse, prima del codice avremmo potuto avvicinarci di più a Lampedusa. Ma non è inusuale fare trasbordi in pieno mare. Fra l'altro, la Vos Prudence ha un pescaggio profondo, non avremmo potuto arrivare in porto".

Intanto, nuova operazione della guardia costiera Libica al largo di Zawia: 139 migranti, tra cui 3 bambini sono stati salvati e riportati a Triboli per essere "consegnati all'organismo di lotta all'immigrazione clandestina". 

Leggi tutto
Prossimo articolo