Caldo in tutta Italia. Da oggi 16 città con il bollino rosso

2' di lettura

Nella prima decade del mese le temperature potrebbero raggiungere i 40° in alcune regioni della Penisola. LE PREVISIONI METEO

E' stata annunciata come la settimana più rovente dell'anno, con punte record di temperature.
Un'ondata di calore africana, la quinta quest'anno, che imperverserà su tutta Italia per almeno una settimana. E infatti sono 16 le città, tra martedì e mercoledì, contrassegnate dal bollino rosso del ministero della salute, quello che segnala i rischi maggiori, sopratutto ovviamente per bambini e anziani.
Si comincia martedì con Roma, Frosinone, Pescara e Campobasso, alle quali mercoledì si aggiungeranno altre 12 città: Bari, Bologna, Bolzano, Brescia, Cagliari, Firenze, Latina, Milano, Napoli, Perugia, Rieti e Viterbo. 

L'anticiclone in arrivo

L’anticiclone africano sarà sollecitato a risalire verso il Mediterraneo e l'Europa centrale dalla presenza di una circolazione depressionaria nei pressi delle Isole britanniche: l’invasione di caldo riguarderà dapprima il Centro-Nord, l'Europa centrale e i Balcani e si adagerà successivamente anche sulle regioni meridionali della Penisola. L’ondata di calore persisterà per tutta la settimana in gran parte dell’Italia, con la possibilità di estendersi per tutta la prima decade di agosto al Centro-Sud.

Le temperature più alte

Difficile sbilanciarsi sulle temperature, ma i picchi si registreranno probabilmente nel centro Italia. Le colonnine del termometro sfioreranno i 40° a a Firenze, dove il picco della temperatura è previsto domenica 6 agosto, e Bologna in cui venerdì 4 agosto si potrebbero raggiungere i 41 gradi. I valori sono infatti destinati a salire nei prossimi giorni: oltre che nei rispettivi capoluoghi si sfioreranno (e talvolta raggiungeranno) i 40° in diverse regioni interne di ToscanaEmilia RomagnaLazioUmbria, Marche, Abruzzo e Campania. Le temperature minime saranno elevate e farà caldo anche in montagna, con punte oltre i 30°C anche sopra i 1000 metri.

Leggi tutto
Prossimo articolo