Migranti, quasi 5mila nuovi sbarchi nel Sud Italia

3' di lettura

Sono previste in totale più di 7mila persone nel weekend. Il presidente dell’Europarlamento: "Triton forse errore, ma va rispettato". Di Maio: "Inchiesta sui minori respinti dalla Francia". LO SPECIALE

Nuova giornata di sbarchi con quasi 5.000 migranti in arrivo nel sud d'Italia, dove in questo fine settimana ne sono attesi in totale 7.000. 

Sbarchi in tutto il Sud

A Catania 1.428 sono stati sbarcati dalla nave "Diciotti" della Guardia Costiera, su cui erano presenti anche agenti della Squadra mobile della Questura e militari della Guardia di finanza per individuare eventuali scafisti. A Salerno è attraccata la nave 'Vos Prudence' di Medici Senza Frontiere con a bordo 935 migranti. Di questi, 793 sono uomini, 125 donne di cui sette in gravidanza, 14 minori e 2 neonati. A Vibo Valentia è giunta la nave "Vos Hestia" di Save the Children con altri 550 migranti.

Nato bambino sulla nave Acquarius

A Brindisi c'era un neonato venuto alla luce durante la traversata fra gli 860 migranti sbarcati dalla nave Aquarius dell'organizzazione umanitaria Sos Mediterranee. A bordo in tutto 120 minori. Il neonato, che è stato chiamato Cristo, è in buone condizioni di salute. Nel primo pomeriggio è arrivata al porto di Crotone una nave norvegese con a bordo 1.200 migranti. La "Olympic commander" fa parte del dispositivo internazionale Frontex.

Ancora sbarchi sabato

Per sabato sono previsti gli sbarchi della nave "Echo" a Bari con circa 620 migranti e la nave "Rhein" a Corigliano Calabro con 900 persone. In totale altri altri 1520 arrivi.

Si discute di hotspot di emergenza

Per gestire il flusso di migranti si discute la possibilità di aprire hotspot di 'emergenza'. Punti di accoglienza pronti ad essere attivati per alleggerire la pressione sui porti della Sicilia. E' il caso di Civitavecchia dove il sindaco M5s Antonio Cozzolino ha detto che il porto "non è nelle condizioni" di accogliere l'arrivo dei migranti. 

Di Maio: inchiesta su minori respinti da Francia

“Abbiamo informazioni da più parti che la Francia ci sta rimandando indietro anche minori”. E’ quanto denuncia intanto da Ventimiglia, nel corso di una diretta Facebook, il vice presidente della Camera M5S Luigi Di Maio. “Se la notizia fosse confermata sarebbe gravissima, perché costituirebbe una grave violazione dei diritti dell'infanzia. All'Ue chiediamo dunque di parlare meno e di aprire un'indagine sulla natura dei respingimenti della Francia verso l'Italia, verificando se davvero Parigi ci riporta indietro anche minori".

Di Maio: l'Europa si è fermata a Ventimiglia

Tajani: “Forse Triton un errore, ma va rispettato”

Gli ambasciatori dei Paesi Ue stanno discutendo le modalità degli sbarchi dopo i salvataggi, sui quali a suo tempo ci fu accordo politico perché avvenissero tutti in Italia nella cornice legale fissata per l'operazione Triton. Il presidente dell'Europarlamento, Antonio Tajani, ha invitato l'Italia a "rispettare Triton": "Forse è stato un errore, bisognava negoziare in maniera diversa. Però adesso bisogna intervenire e in tempi rapidi bisogna cercare di impedire le partenze dalla Libia", ha dichiarato.

Patto per fermare gli scafisti

A livello diplomatico, intanto, si lavora a un “patto” con la Libia per cercare di fermare gli scafisti. L’accordo raggiunto dal ministro dell’interno marco Minniti, che a Tripoli ha incontrato diversi sindaci, verte proprio una su una sorta di scambio: smettete di tollerare il traffico di esseri umani e noi sosterremo i vostri progetti di sviluppo economico. Positiva la risposta dei 13 sindaci di zone della costa e del centro-sud più interessate dal traffico di migranti - come Zuwara, Sabratah e Sebha – che hanno garantito che farà di tutto per arginare un flusso di disperati che proprio in queste ore sta vivendo una nuova ondata da oltre 10 mila persone in tre giorni.

Emergenza migranti, tutti i video
Guarda tutti i video

Leggi tutto