Svolta nell'omicidio di Andrea Rocchelli, un arresto dopo 3 anni

2' di lettura

Il presunto responsabile della morte del fotoreporter e dell’interprete russo Andrej Mironov è un italo-ucraino. Non ha agito da solo. Le vittime furono uccise il 24 maggio 2014 a Sloviansk, in Ucraina: stavano documentando il conflitto nel Donbass

I Carabinieri hanno arrestato a Bologna un cittadino italo-ucraino, ritenuto responsabile, in concorso con altri non ancora identificati, dell'omicidio del foto-reporter italiano Andrea Rocchelli, dell'interprete russo Andrej Mironov e del ferimento del foto-reporter francese William Roguelon, avvenuti il 24 maggio 2014 a Sloviansk, in Ucraina. L'ordinanza di custodia cautelare in carcere - emessa dal Gip del Tribunale di Pavia, su richiesta della Procura di Pavia, è stata eseguita da personale del Ros - Reparto Anticrimine di Milano, e del Comando Provinciale Carabinieri di Pavia. 

Reportage alle zone di guerra

Il 31enne fotoreporter italiano si trovava in Ucraina, nella regione del Donbass, per documentare il conflitto tra le forze regolari ucraine e le milizie separatiste filo-russe, dell'autoproclamata Repubblica Popolare del Donetsk. Il fotoreporter - noto per i molteplici reportage realizzati, sempre in zone di guerra e sempre tesi a documentare le sofferenze delle popolazioni civili - si trovava in Ucraina dall'inizio del mese di maggio 2014, insieme all'interprete russo Andrej Mironov, anche lui rimasto ucciso nell'attacco in cui fu ferito il fotoreporter francese William Roguelon.

Leggi tutto
Prossimo articolo