Sisma, ritardi nella ricostruzione: 92% delle macerie ancora in strada

4' di lettura

Rimozione delle macerie e consegna delle casette procedono a rilento. Danni nelle abitazioni di 51 Comuni, ma lavori iniziati solo in 32 edifici. Ira dei sindaci

Una ricostruzione in stallo. Nelle zone del Centro Italia colpite dal sisma, le tempistiche previste per la rimozione delle macerie e la consegna delle casette necessarie nei Comuni devastati dal terremoto procedono a rilento. Come denunciato dal Corriere della Sera e da Repubblica, il 92% dei detriti caduti dopo le scosse (circa 2,3 milioni) si trova ancora per le strade. Mentre delle 3.620 casette ordinate, ne sono arrivate 296, cioè l’8%. Di queste, solo 188 sarebbero funzionanti e abitate. I lavori, nei 51 Comuni del cratere, invece, sono iniziati solo in 32 delle case danneggiate. 

Tra burocrazia e scadenze

Ad Amatrice, come riporta il Corriere, deve essere ancora bandita la gara per la rimozione di 1 milione e 170 mila tonnellate di macerie, mentre sono state tolte tutte quelle delle vie pubbliche (93mila tonnellate). Nella maggior parte dei casi, a rallentare le procedure è la burocrazia. Per richiedere le casette, ad esempio, un cittadino deve affrontare un iter lungo fino a 11 passaggi. Per procedere invece alla ristrutturazione del proprio immbobile, occorre fare richiesta di sopralluogo, compliare schede e incartamenti e aspettare i tempi tecnici per l'approvazione della richiesta che ad oggi rischia di arrivare oltre il termine ultimo fissato al 31 luglio 2017, stabilito nell’ordinanza n.20 del 7 aprile 2017.

Errani: "Introdurremo esenzione da tassa di successione"

Dopo le promesse fatte dalle istituzioni, è scontro tra i sindaci delle zone terremotate e il governo. L’ultima polemica è stata quella sulla tassa di successione per gli eredi delle vittime del terremoto. Il commissario alla ricostruzione, Vasco Errani, è tornato a garantire che "nel primo provvedimento utile in Parlamento, il governo farà un emendamento per definire con chiarezza che nessun cittadino terremotato dovrà pagare alcunché per la tassa di successione".  "Mi pare che anche in altri terremoti la decisione sia stata presa dopo un anno", ha aggiunto Errani in riferimento all’esenzione introdotta dal governo Berlusconi per il sisma dell’Aquila. Il commissario ha poi sottolineato che "il governo ha fatto una scelta importante e forte per la ricostruzione. Edifici pubblici, religiosi, beni culturali, imprese, prime e seconde case. Un impianto così completo è inedito".

Le proteste del sindaco di Amatrice

Le rassicurazioni di Errani arrivano a un giorno di distanza dalla protesta del sindaco di Amatrice, Sergio Pirozzi. "È impensabile che si debba pagare una tassa su un bene frutto dei sacrifici di intere famiglie e che oggi, peraltro, non esiste più", aveva detto il primo cittadino, aggiungendo: "Oggi quelle proprietà sono macerie, e oltre ai lutti, al dolore, alle tante difficoltà, queste persone si troveranno di fronte anche questo scoglio". Pirozzi aveva poi denunciato la situazione nei territori colpiti dal sisma: "Non ci siamo proprio, i ritardi sono evidenti, a dieci mesi dal primo sisma siamo ancora invasi dalla devastazione, sia in città che nelle frazioni". Se il governo non accoglierà le sue istanze, il sindaco ha promesso di andare a Roma a riconsegnare le chiavi della città.

Il presidente dell'Anci e l'appello per uno "sforzo corale"

Pochi giorni prima, era stato il turno del presidente dell’Anci e sindaco di Bari, Antonio Decaro, che, con una lettera al premier Paolo Gentiloni aveva richiesto un incontro urgente e uno "sforzo corale" delle istituzioni per affrontare i "ritardi nella realizzazione delle soluzioni abitative di emergenza e nella rimozione delle macerie", dando ascolto soprattutto ai sindaci marchigiani, in una situazione in cui "non aiuta non poter disporre di uffici regionali per la ricostruzione capaci di fornire riscontri in tempi certi".

Leggi tutto