Sicilia, sequestrati 130mila articoli pericolosi per la salute

La Guardia di Finanza durante un recente sequestro in un negozio (Fotogramma)
1' di lettura

Bigiotteria, cosmetici e giocattoli per un valore totale di 220mila euro sono stati scoperti dalle fiamme gialle in due negozi gestiti da cinesi nel Ragusano

Circa 130mila articoli ritenuti pericolosi per la salute sono stati sequestrati dagli uomini della Guardia di finanza in due negozi gestiti da cittadini di origine cinese a Scicli, in provincia di Ragusa.

Il materiale sequestrato

I beni erano privi delle prescrizioni e delle etichettature previste per legge a tutela dei consumatori. Circa 130mila in tutto gli oggetti sequestrati, per un valore di mercato stimato sui 220mila euro. Si va dagli articoli di bigiotteria ai giochi per bambini, dai cosmetici ai prodotti per la cura della persona.

Perché i prodotti sono considerati pericolosi

Tutta la merce era sprovvista delle informazioni minime obbligatorie sui componenti chimici e sulle modalità di corretto utilizzo, della marcatura CE obbligatoria e dell'indicazione di provenienza. I giocattoli, in particolare, non avevano le informazioni essenziali volte a prevenire rischi per l'incolumità dei bambini. I titolari dei negozi, due cittadini cinesi, sono stati segnalati alla Camera di Commercio di Ragusa che si occuperà dell'applicazione delle sanzioni amministrative. Sanzioni che, per illeciti simili, possono superare i 25mila euro.

Leggi tutto